I legumi hanno particolari esigenze di terreno in coltivazione?

Salve sono laureata in giurisprudenza, mamma di due bellissimi bimbi, e moglie, in questa seconda fase della mia vita ho deciso di aprire, con il supporto di mio marito, un’azienda agricola che possa vendere in campo gli ortaggi che coltiviamo di solito a livello familiare, avrei poi intenzione di estendermi successivamente passando ad un piccolo ed artigianale laboratorio di trasformazione degli stessi. Ma mi fermo qui.
La mia domanda è questa: posso coltivare legumi da raccogliere poi secchi e confezionare di conseguenza come, fagioli, ceci, lenticchie, ma anche cereali, come farro, o altro, nonchè i semi (quinoa per esempio), o altri di questo genere.
Vorrei un vostro consiglio su quali poter coltivare, noi siamo in Campania provincia di Salerno, Vallo di Diano, terre abbastanza prolifere, ma non so se adatte a tutto, e soprattutto e questo che vorrei più chiaro per ogni prodotto (legume, cereale, seme) quale è il periodo di piantagione/semina, le varietà esistenti, e se posso iniziare da ora insomma in questo mio progetto. grazie e scusate le troppe parole.
(MariaTeresa – Vallo di Diano – Campania)

Ciao MariaTeresa,
grazie di tutto quello che ci racconti, sembra un bel progetto il vostro e cerchiamo per questo di aiutarvi.
Sicuramente il terreno che avete è adatto alla coltivazione dei legumi e cereali…non hanno particolari esigenze, eccetto il ristagno d’acqua, dannoso.
Riguardo alla coltivazione del cece – leggi qui l’articolo, per il fagiolo invece ti linko quest’altro articolo, per i segreti della coltivazione della lenticchia dai una lettura all’articolo che trovi nel link.
Tienici aggiornati sulla tua futura attività!
Salute e buon orto.

Lascia un commento