La coltivazione della zucca dalla semina alla raccolta

zucca ortoLa zucca è l’ortaggio emblema dell’autunno. E’ il primo ortaggio che vediamo entrando in questo periodo in un orto: il suo colore, la sua forma, le sue dimensioni, la rendono irresistibile e attraente. Non è un caso se le feste e le sagre in suo onore si sprecano!

E vedendola non possiamo fare a meno di pensare: l’anno prossimo la seminerò anch’io! Oppure, se abbiamo già provato a coltivarla in precedenza, nascerà in noi la voglia di provare altre forme e altre varietà. Ma non è un ortaggio a cui pensare all’ultimo momento: le sue dimensioni esigono una riflessione anticipata e se vogliamo seminarla in primavera sarà bene pensare fin da adesso a dove posizionarla!

La zucca, in latino Cucurbita maxima (e se si chiama maxima un motivo ci sarà), richiede molto spazio: i suoi tralci possono raggiungere anche la lunghezza di 10 m, mentre il suo apparato radicale, molto ramificato, solo in parte penetra nel terreno in profondità fino a un metro, il resto si propaga sulla superficie del nostro orto. Per fortuna la zucca è munita di cirri avviluppanti, che le permettono di arrampicarsi su qualsiasi tipo di supporto le metteremo a disposizione, rendendo così più facile la gestione dello spazio di cui necessita. Proprio in base a queste considerazioni conviene scegliere fin da adesso il futuro luogo d’impianto. Viticci

Posizione e clima – In genere le zucche vengono piantate lungo il perimetro dell’orto, preferibilmente vicino a recinzioni o staccionate, accanto al tetto non troppo alto di un capanno oppure, se le dimensioni della varietà prescelta lo consentono, nei pressi di un vecchio albero, dove troveranno lo spazio e il sostegno necessario senza disturbare gli altri ortaggi.

L’altro importante elemento  che dobbiamo tenere in considerazione è il clima. La zucca teme il freddo e la temperatura ottimale per il suo sviluppo si aggira tra i 18° e i 24°, sotto i 10° e sopra i 30° la zucca potrebbe soffrire e registrare dei danni. Quindi evitiamo le zone esposte ai venti gelidi del nord, ma anche i luoghi dove il caldo in estate diventa stagnante e insopportabile. L’ideale sarà dunque una zona semi ombreggiata, ma allo stesso tempo mite e arieggiata.

Una volta individuato il luogo prepariamo il terreno affinché al momento opportuno possa accogliere al meglio i semi della nostra zucca.

ZuccheConcimazione e preparazione del terreno – Mettiamoci in testa (forse è meglio dire in ‘zucca’) che la zucca è molto esigente in fatto di concimazione: ama i terreni ben lavorati e molto ricchi di sostanza organica, per questo prima i contadini coltivavano gli esemplari più grandi intorno alle concimaie, dove le zucche crescevano a dismisura trovando nutrimento a sazietà. Dovremo quindi ricordarci di preparare bene il terreno per permettere alle radici di scendere alla profondità necessaria, scavando delle grandi buche (circa 50 cm di diametro) e riempiendole di letame ben decomposto e maturo fino al piano di campagna. Oppure se pensiamo di destinare alla coltivazione delle zucche un’area più vasta, misceliamo 3/4 quintali di letame ogni 100 mq di terreno.

Semina e trapianto – Se viviamo nelle zone dove il clima è meno favorevole conviene seminare in dei vasetti al coperto e  solo una volta terminato il pericolo gelate, trapiantare in esterno nel luogo prescelto. I nuovi semi si possono ottenere anche dalle zucche che questo inverno utilizzeremo per cucinare. Se avete qualche dubbio su come fare, guardate questo video dove Matteo e Giovanni ci mostrano come prelevare e seccare i semi della zucca e una volta ottenuti i nostri semi guardiamo anche come seminare la zucca nell’orto nel modo corretto.Zucchetta

Per quanto riguarda la semina procediamo così: prendiamo dei vasetti da 10-15 cm di diametro e riempiamoli con del terriccio leggero. Mettiamo in ciascuno di essi due o tre semi alla profondità di 2-3 cm, meglio se con la parte più stretta rivolta verso il basso, annaffiamo e conserviamo in un luogo riscaldato, sapendo che i semi di zucca per germinare richiedono temperature intorno ai 15°.

Quando vedremo che le giovani piantine avranno almeno tre foglie potremo procedere al diradamento, che consiste nel scegliere la piantina più robusta ed eliminare le altre, anche con una semplice sforbiciata se vogliamo evitare di compromettere la stabilità di quelle restanti. A questo punto potremo trapiantare le piantine con il loro pane di terra direttamente nell’orto, all’interno di piccole aiuole dal bordo rialzato, dove l’acqua delle annaffiature eviterà di disperdersi.

Se invece sceglieremo di seminare direttamente sul posto e lasciare perdere i vasetti, dopo avere preparato il terreno, formeremo delle postarelle circolari, rialzate di 12-20 cm rispetto alla superficie dell’orto, sulla cui cima aggiungeremo 5 cm di terriccio friabile, che favorirà l’attecchimento dei semi che vi andremo a posizionare, in questo caso 4 o 5 per aiuola. Se decidessimo di seminare più zucche ricordiamo di lasciare almeno 1,50 o 2 metri tra una postarella e l’altra. Per stimolare la ripresa delle piantine, una volta effettuato il trapianto, possiamo trattarle con il macerato di ortica diluito al 20%.

zucche coloriRotazione e consociazione – La zucca non andrebbe coltivata sullo stesso terreno prima di 2 o 3 anni, né farla seguire dalla coltivazione di altre cucurbitacee, solanacee o leguminose, logicamente se questo è possibile e se le dimensioni dell’orto lo consentono, altrimenti non facciamone un dramma e procediamo ugualmente. La zucca si associa bene a patata e mais.

Cure colturali – Una volta che le piante saranno cresciute abbastanza dovremo procedere con la cimatura, ovvero il taglio del tralcio, da effettuarsi sopra la quarta o quinta foglia, in modo da favorire la cacciata dei germogli laterali che permetteranno alla pianta di allargarsi e non crescere solo in lunghezza. Un’altra buona pratica è il diradamento dei frutti per aumentarne le dimensioni e la qualità. Per ottenere buoni risultati dovremo lasciare non più di  3/4 frutti a pianta. I tralci con i frutti si cimano alla seconda foglia dopo il frutto.

Una volta avvenuta l’allegagione, vale dire dopo che il fiore si sarà trasformato in piccolo frutto, diventeranno molto importanti le irrigazioni, che dovranno essere non molto frequenti, ma molto, molto abbondanti per mettere all’acqua di scendere in profondità.zucca

Raccolta – Le zucche vanno raccolte a mano a mano che sono mature oppure quando le foglie di tutta la pianta sono secche e ingiallite. Se invece desideriamo lasciarle più a lungo nell’orto a maturare, rialziamole da terra con una grata, con un mattone o con una cassetta, affinché il sole le addolcisca ulteriormente. Ma su questo argomento vi consiglio di guardare e ascoltare questo video dove Giovanni e Matteo ci raccontano come e quando raccogliere la zucca.

A questo punto non solo Buon Orto a tutti, ma Buona Zucca a tutti!

 

Commenti
6 Commenti a “La coltivazione della zucca dalla semina alla raccolta”
  1. orlando ha detto:

    Salve,
    grazie molto, espliciti ed esaustivi!
    Grazie.
    (Orlando)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Salve Orlando,
      grazie a te!
      Accolgo i tuoi complimenti e come sempre li condivido con tutta la squadra di in-orto.
      Salute e buon orto.

  2. Stefania ha detto:

    Buonasera,
    innanzitutto complimenti per questo sito che seguo sempre molto volentieri, imparo moltissimo dai vostri articoli e anche dai commenti delle persone.. 🙂

    Vengo ora al punto, ho visto dei video che consigliano la potatura delle piante di zucchine (solo per le verietà a rapido accrescimento), potatura che consiste nel recidere le foglie che partono dall’inizio del colletto man mano che la pianta cresce, in modo da favorirne lo sviluppo.
    Mi chiedevo quindi se la stessa operazione poteva essere valida anche per le piante di zucche,  sia per quelle cimate che per quelle lasciate crescere con un solo fusto.
    Grazie… 🙂
    (Stefania)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Stefania,
      grazie per i commenti che ci rivolgi, sono importantissimi per capire l’effetto del nostro lavoro!
      L’operazione della cimatura o potatura verde è necessaria nelle cucurbitacee a grande sviluppo, come le zucche da inverno, per favorire lo sviluppo del frutto. La potatura delle foglie invece l’ho praticata solo per eliminare le foglie ormai senza più funzione fotosintetica, perchè ormai vecchie; ma non toglierei tante foglie, per non stressare la pianta.
      Salute e buon orto.
      Salute e buon orto.

  3. Andrea ha detto:

    Salve a tutti,
    vorrei piantare delle piantine di zucca e mi sembra di aver capito che il periodo è quello giusto.
    Come dovrei preparare il terreno prima di piantarle?
    grazie mille e complimenti per il fantastico sito!
    (Andrea)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Andrea,
      grazie a te per cominciare….che i tuoi complimenti ci danno energia!
      Le zucche sono piante che crescono tanto e che hanno bisogno di tanta acqua e concime; per questo farei per loro delle belle buche – molto più grandi del pane di terra che la piantina ha – e mischierei alla terra di scavo del letame maturo e terriccio…da creare così un mini invaso pieno di terra speciale, dove trapianterai le tue zucche. Tieni una distanza di almeno 80…100cm fra loro.
      Spedisci pure le foto del tuo orto se vuoi.
      Salute e buon orto

Lascia un commento