Buonasera,
da sole due settimane sono alle prese con il mio piccolo orticello.
Ho trapiantato diverse pianticelle di pomodori, zucchine, peperoni, porri, aglio, melanzane, ecc…

Vorrei ora effettuare la pacciamatura con corteccia di pino o paglia ma ho un grosso dubbio: per le annaffiature, che devo effettuare a mano,
come devo comportarmi?
Devo scostare la pacciamatura prima di annaffiare?
Vi ringrazio anticipatamente e vi saluto.
(Stefania)

Risposta

Ciao Stefania,
innanzitutto i nostri doppi complimenti, e per l’orto e per l’idea della pacciamatura!
Riguardo alle irrigazioni manuali non è necessario che tu debba scostare la paglia, anzi, proprio essa ti proteggerà la terra dall’azione battente dell’acqua, quindi dai pure la tua acqua direttamente sulla pacciamatura.
La cosa importante invece, che ti raccomando e consiglio vivamente, è quella di NON usare la corteccia di pino per pacciamare il tuo orto, ha un potere acidificante del terreno troppo alto per gli ortaggi in generale.
Stefania, siamo tutti con te, e se vuoi mandaci pure una foto del tuo orto!!

4 commenti
  1. guido
    guido dice:

    Ciao …

    Mi chiamo Guido…da poco sto sperimentando l’agricoltura sinergica.

    Mi chiedevo se il fogliame e il fusto delle pannochie e del bambù, seccati e passati a biotrituratore, possano esse e una buona paciamatura o se hanno scarsa durata… a livello di proprietà dovrebbero essere abbastanza neutro giusto?  
    E che ne dite di un cippato di robinia invece?
    Una domanda ancora: ci sono materiali pacxiamanti che sposano più di altri certe colture,o non ci sono grosse differenze?
    Come per le onsociazioni.
    L’unico che conosco io sono gli aghi e Pino per le fragole che richiedono un terreno abbastanza acido …
    Ciao grazie ancora.
    (Guido)

    Rispondi
    • Stefano Pissi
      Stefano Pissi dice:

      Ciao Guido,
      anche secondo noi il cippato di mais e bamboo è ottimo – non acidificante di sicuro -, la robinia anche, perchè bella azotata, basta che tu ti limiti a triturare le parti fini della pianta…la parte distale dei rami, con tante foglie e corteccia, ma poco legno.
      La migliore pacciamatura, per le colture ortive, sarebbe la paglia di grano…o cereali in genere, perchè si degrada bene e copre bene anche la terra, gli aghi di pino sinceramente li eviterei, ma se tu riscontri ottimi facci sapere la tua esperienza.
      Salute e buon orto.

      Rispondi
  2. Antonio, Ucraina
    Antonio, Ucraina dice:

    Buongiorno amici e grazie del sito, ho un problema che non so come risolvere. Devo mettere un telo pacciamante o fare delle piccole dune, non ho un impianto a goccia quindi devo innaffiare sul Telo e non so come fare,  anche se faccio delle dune e metto un telo non so come fare, quindi qual’è il sistema migliore? 
    Sono alle prime armi, anche facendo un canale per innaffiare accanto ad un telo pacciamante potrei innaffiare?  I dubbi sono tanti senza ala gocciolante, 
    un Grazie infinito
    (Antonio)

    Rispondi
    • Stefano Pissi
      Stefano Pissi dice:

      Ciao Antonio,
      non conosco il tipo di telo pacciamante che tu usi ma, alcuni tipi di materiale naturale (fibra di cocco) ti permettono di irrigare a pioggia direttamente sopra il telo in quanto poroso.
      Comunque la soluzione ottimale è sempre il tubo di ala gocciolante messo sotto al telo…ti permette con una spesa minima di risolvere diversi problemi: risparmio idrico, meno erbe spontanee ecc.
      Non ho capito che intendi con DUNE.
      Salute e buon orto.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 Bonduelle InOrto