Cosa semino qui, cosa semino là…quando arriva la primavera i dubbi sulle semine abbondano e i pensieri si accavallano: ”Allora qui potrei seminare i fagioli, ma andranno bene dopo i cavoli?”. E via di corsa a vedere le tabelle delle rotazioni e cercare di farle coincidere con quelle delle consociazioni. “Il cavolo è bene non ripiantarlo nella stessa parcella per più di un anno, la patata sta bene dopo i cereali, mentre i pomodori dopo i piselli…”. E giù con i calcoli!

Talvolta fare l’orto sembra avere più a che fare con la matematica che con la poesia! Ma io non sono di questo avviso: ho l’animo romantico e credo che la poesia sia più importante della matematica quando dobbiamo riportarci con la natura e ogni tanto bisogna lasciarsi andare al proprio istinto! Tuttavia riconosco che nell’orto una buona dose di raziocinio e di buon senso sia necessaria e ne aiuta lo sviluppo e il buon rendimento.

E allora qual è la verità? L’equilibrio tra le due cose. Anche nell’orto, come nella vita, l’equilibrio è determinante, la spontaneità ma controllata, il controllo ma moderato e ispirato.

Ma bando alle chiacchere e alla filosofia, proprio per aiutare quelli che faticano a fare troppi calcoli, Matteo un bravo orticoltore con un suo blog, ha messo a punto (udite!udite!) il ‘CALCOLATORE DELLE SEMINE’ , personalmente lo trovo molto utile, ma anche carino e divertente, basterà inserire l’ortaggio che vogliamo seminare e dove abbiamo intenzione di seminarlo (semenzaio, piena terra, ecc) e avremo la risposta in un attimo! Cliccate sul link e provatelo! E poi sappiatemi dire cosa ne pensate. Per il momento ringraziamo Matteo per la sua inventiva!

Foto di Chiot’s Run da flickr

9 commenti
  1. antonior
    antonior dice:

    Salve,
    molto utile questo calcolatore delle semine, ma sarebbe utile altrettanto anche sapere quando si fa la raccolta.
    Se per esempio semino i ravanelli a luglio quando di potrebbe fare la raccolta?
    Grazie.
    (Antonior)

    Rispondi
    • Stefano Pissi
      Stefano Pissi dice:

      Ciao Antonior,
      tu hai ragione, si semina per raccogliere!
      Il ravanello comunque è un ortaggio a ciclo breve…un mese circa e il prodotto è pronto.
      Per toglierti ogni dubbio sulla coltivazione del ravanello ti invito a leggerti questo bell’articolo che trovi nel link.
      Salute e buon orto!

      Rispondi
  2. Stefano
    Stefano dice:

    Salve,
    strumento molto utile, come giustamente riportato nel sito, le semine variano anche in base alla località (l’Italia presenta diversi climi) e, per chi ne ha la disponibilità, alla presenza di una serra.
    (Stefano)

    Rispondi
  3. Viola
    Viola dice:

    Salve,
    uno strumento davvero geniale, ci vorrebbe con anche le consociazioni, ma già così è molto comodo.
    Poi ovvio che è tutto indicativo e bisogna adattarlo alla semina del proprio orto.
    Complimenti comunque!
    (Viola)

    Rispondi
  4. Mirko
    Mirko dice:

    Bello!
    Il problema è che poi viene voglia di piantar troppe cose, non vedo l’ora arrivi la primavera.
    (Mirko)

    Rispondi
    • Stefano Pissi
      Stefano Pissi dice:

      Ciao Mirko,
      sei un grande che hai voglia già di primavera adesso…entrati appena nell’autunno!
      Ma arriverà vedrai.
      Salute e buon orto.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© 2021 Bonduelle InOrto