I trapianti nell’orto di settembre e ottobre

Immagine 5Spesso a settembre, dopo la ‘sbornia’ di ortaggi estivi, si ha l’impressione che l’orto viva solo di colture residue: gli ultimi pomodori, le ultime zucchine, le ultime melanzane e peperoni. Invece possiamo guardare all’autunno come a una stagione di nuove e promettenti verdure e se non abbiamo avuto il tempo di pensare alle semine, adesso per recuperare il tempo perduto, ci vengono in soccorso numerosi trapianti: sia nei vivai, che nei consorzi agrari, si possono trovare tante piccole piantine (anche bio) che non chiedono di meglio che essere ‘adottate’ e trovare dimora nel nostro orto.

Ecco dunque un elenco di tutti gli ortaggi da potere trapiantare in settembre, prima dell’acquisto teniamo però in giusta considerazione la zona climatica in cui viviamo : per esempio se al sud si possono ancora trapiantare i finocchi, non sarà più possibile farlo al nord dove il freddo potrebbe farsi sentire troppo presto.

Bietole – per il raccolto in 50/60 gg;

Cardi e carciofi – preleviamo i carducci e facciamo nuove piante;

Carote – in terra o in vaso potremo raccogliere in autunno;

Cavoli (cappucci, a fiori bianchi o verdi, verze) – per raccogliere da novembre a marzo;

Cicorie e radicchi – per raccogliere da novembre a fine marzo;

Cipolle – per raccogliere da fine ottobre a febbraio;

Fragole – Facciamo nuove piante utilizzando gli stoloni delle vecchie, e posizioniamole in vaso (da trapiantare a primavera) o in piena terra da coprire e pacciamature durante l’inverno;

Lattughe autunnali e invernali – da raccoglier in 50/60 giorni;

Porri invernali – da raccogliere da dicembre a marzo;

Scarole e indivie – per raccolta novembre e febbraio;

Spinacio – per raccolto invernale (se da voi fa troppo caldo aspettate!)

Valeriana – per raccolto invernale.

E’ chiaro che anche il periodo di raccolta varia a seconda del luogo dove effettueremo il trapianto: al sud molte verdure non subiranno lo stop invernale che invece subiranno al Nord. E se settembre dovesse passare in un lampo, senza che abbiate trovato il tempo di fare tutti i trapianti desiderati, oppure molto più semplicemente il vostro orto è ancora invaso dalle verdure estive e non c’è posto per quelle autunnali, sappiate che eccetto le bietole, le carote e poco altro, molti degli ortaggi citati si posso trapiantare anche in ottobre. E se volete fare un piccolo ripasso sui lavori dell’orto autunnale leggetevi questa pagina.

Insomma fate le giuste valutazioni e Buon Trapianto!

Commenti
4 Commenti a “I trapianti nell’orto di settembre e ottobre”
  1. armando ha detto:

    Salve
    Vorrei un consiglio su che erbicida posso erogare contro le erbacce di un campo di fragole.
    Grazie
    (Armando)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Armando
      Bella questione, tu sai che il nostro sito stimola sempre l’utilizzo di metodi di colture naturali in genere: biologiche o biodinamiche;
      in queste pratiche perciò non sono previsti l’utilizzo di erbicidi – che puoi trovare in commercio tranquillamente.
      Quello che ti suggerisco è perciò di prevenire il fenomeno infestanti utilizzando dei teli pacciamanti, come vedi riportato in questo articolo, che pervengono l’insorgenza delle malerbe,
      ti soddisfa come metodo?
      Buon lavoro

  2. laura ha detto:

    Salve
    io  per ovviare alle erbacce, nel fragolaio, per un periodo ho usato i teli ma ho notato che le fragole crescono molto meglio senza essi.

    Togliendo le erbacce, appena spuntano le piantine, si auto piantano da sole coprendo piano piano tutto il terreno a disposizione e non lasciando più spazio alle inferstanti,

    a me è capitato così e ora faccio molta meno fatica a tenerle pulite.
    (Laura)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Laura

      Grazie, codesti si che sono dei consigli preziosi, perchè derivanti da pratica applicata.
      Scrivici spesso…e buon orto!

Lascia un commento