Coltiviamo in vaso o nell’orto la Lippia, l’erba Luigia dal fragrante profumo di limone

LIppia 1Se amiamo le tisane profumate e rilassanti coltiviamo la Lippia citriodora. Ora facciamo un bel respiro e proviamo a dire tutto d’un fiato, i numerosi nomi con cui è conosciuta: Aloysia citriodora, Lippia triphylla, Verbena triphylla, erba Luigia, erba Luisa, limoncina o cedrina. Quasi impossibile da farsi, ma sicuramente ora avremo capito di quale pianta si tratta, perché tra i tanti appellativi ci sarà quello usato nella nostra regione.

La Lippia, appartiene alla famiglia delle Verbenaceae,  è una pianta aromatica che al solo sfiorarla diffonde nell’aria un fragrante e inconfondibile profumo di limone.

Può essere coltivata sia nell’orto-giardino che in vaso, ma attenzione, non sarà sufficiente un contenitore di piccole dimensioni, perché al pieno del suo sviluppo può raggiungere le dimensioni di un piccolo alberello: dai 130 ai 180 cm circa di altezza!  Se decidiamo di piantarla in pieno campo dedichiamogli almeno un metro quadrato di spazio.Aloysia

Terreno, clima, esposizione – La Lippia, come tutte le aromatiche, mal sopporta i ristagni di acqua, quindi prepariamo per ‘lei’ un terremo soffice e friabile (aggiungiamo della sabbia se è troppo compatto) e posizioniamola in un luogo riparato e soleggiato. L’ideale è un muro esposto a Sud, dove il calduccio non manca mai! Perché l’erba Luigia soffre il freddo: sotto agli zero gradi tende a scomparire in inverno, ma se proteggeremo le radici con una bella pacciamatura, con i primi raggi tiepidi di sole primaverile, ricaccerà tanti nuovi germogli. Per questo motivo, se viviamo in zone troppo fredde, è meglio coltivarla in vaso, da ritirare poi al coperto durante i mesi più gelidi.

Fiori cedrinaCome ottenere nuove piante – La Lippia deve essere seminata al riparo in semenzaio, perché per germinare necessita di una temperatura di almeno 15° e di circa 20 giorni di tempo per ‘uscire allo scoperto’. Quando le piantine si saranno sviluppate potranno essere trasferite in vasetti più grandi, ma prima di trapiantarla in piena terra dovremo aspettare almeno due anni, in attesa che si sia formato un apparato radicale più robusto.

Molto più facile è invece la riproduzione per talea. In questo caso, a fine agosto o inizio settembre, preleveremo dei ramoscelli non troppo grossi, con una parte a legno e non fioriti (20 cm circa), che metteremo, per due terzi della loro lunghezza, in dei piccoli vasetti riempiti di terra friabile (un terzo sabbia grossa, un terzo torba e un terzo terra di coltivo). Se posizioneremo le talee in una zona ombreggiata e le annaffieremo con cura (inumidendo il terriccio con un nebulizzatore)  avremo presto delle giovani piante!

Coltivazione e potatura – La Lippia, come abbiamo detto, non ama i ristagni, ma le annaffiature sì! Infatti in estate dovremo annaffiarla costantemente per mantenere sempre umido il terreno del vaso. In genere se le foglie ingialliscono, significa che riceve troppa acqua, se invece gli apici appassiscono vuol dire che soffre di siccità.

Se il nostro terreno è particolarmente povero, aiutiamola somministrando del concime organico biologico tra aprile e giugno.

La Lippia non necessita di potature, se non eliminare ogni tanto le parti secche e danneggiate. Tuttavia in primavera potremo tagliare gli steli nel punto da cui parte la nuova vegetazione e in autunno, dopo che avremo effettuato la nostra raccolta di foglie e fiori profumati, potremo eliminare i capolini secchi. limoncina

Raccolta e utilizzo – Le belle foglie profumate di un bel verde chiaro e i fiori bianchi riuniti in piccole pannocchie, vanno raccolti in estate, o in autunno se ci accontenteremo delle sole foglie.  Se li essiccheremo in un posto ventilato e ombreggiato e li conserveremo in dei barattoli di vetro, il loro aroma resterà intatto anche per due anni.

La tisana di Lippia (saranno sufficienti dai 10 ai 20 gr per litro) viene usata come digestivo o leggero calmante e siccome contiene una buona quantità di melatonina (rilassante naturale) può essere usata anche prima del sonno. Viene spesso usata anche per fare impacchi contro gli occhi gonfi e arrossati  o acque toniche per il viso.

In cucina si usa invece per fare liquori, profumare marmellate e macedonie o come semplice spezia!

Commenti
45 Commenti a “Coltiviamo in vaso o nell’orto la Lippia, l’erba Luigia dal fragrante profumo di limone”
  1. Andrea ha detto:

    Buongiorno, possiedo due esemplari di questa pianta, acquistati in primavera. Godono di ottima salute e il loro profumo è favoloso. Li coltivo in vasi di 20/25 cm di diametro (si tratta di piante giovani), uno ha un’esposizione sud-est, l’altro sud. Tuttavia i rami di entrambi presentano foglie soltanto nella parte apicale mentre il resto è spoglio, con qualche ramificazione, ma piuttosto scarna. Come posso procedere per ovviare a questo problema? Devo effettuare delle potature per infoltire la pianta? Se sì, come e quando procedere al meglio? Grazie

    • nara marrucci ha detto:

      Ciao Andrea, in verità la ‘cedrina’ si comporta spesso così. Per evitare che questo succeda puoi fare delle potature di rinfoltimento. Non so dove tu abiti, ma in genere adesso è un po’ tardi per effettuarle, quindi ti consiglio di aspettare la prossima primavera, appena il freddo si sarà un po’ attenuato, potrai provare a potarla così: guarda bene i suoi rami e cerca di individuare la parte che ha generato nell’ultimo anno, quella più giovane per intendersi, proprio su quella parte dovrai lasciare due tre gemme e tagliare invece il resto. Se non ce la fai a capire bene quale sia la parte che ti ho indicato, evita di potarla troppo a fondo o in basso, ma dai soltanto una leggera spuntatina, richiamando un po’ la sua chioma.
      Un’altra operazione che puoi compiere, se vuoi che la tua cedrina rimanga un più folta verso il basso, sarà una potatura primaverile-estiva, ovvero quando la pianta sarà in piena vegetazione. Proprio in quel periodo taglia la parte apicale dei rametti, come se tu facessi una semplice raccolta per uso culinario. Questa facile potatura basterà ad infoltirla, ma è anche vero che perderai un po’ di fioritura. Ricorda che la cedrina soffre il freddo, coprila alla base durante l’inverno o avvolgila nel tessuto non tessuto se il termometro dovesse scendere troppo!
      A presto!

  2. Maadd ha detto:

    Ottima davvero!Ho preparato uno squisito liquorino che con piacere offro a tutti riscuotendo tanti complimenti.

    Provatela!

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Maadd,
      è vero il liquore fatto utilizzando le foglie della Lippia è buonissimo.
      Tu quale ricetta segui per la preparazione? Lo usi come aperitivo o digestivo?
      Salute!

  3. giortolan ha detto:

    Ciao Nara e Stefano,
    anch’io ho nell’orto una splendida pianta di “erba luigia” alta circa 1,5mt e quando la sfioro emana gioia e mi inebria (non sono assolutamente un poeta ma è quello che provo). Ora naturalmente è completamente ingiallita e mi hanno consigliato, quando sarà l’inizio di primavera di tagliarla a circa 20 cm dalla base. La cara Luigina è composta di circa 4/5 fusti principali, che ne dite, è corretto l’intervento? Più avanti se avete tempo e voglia parleremo di cren o rafano giusto per semplificarci la vita, ciao e grazie!
    (Giortolan)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Giortolan,
      anche se non ti definisci un poeta le sensazioni che ci descrivi sono molto…intense e sentite, come l’odore dell’erba Luigia, grazie!
      Per questa pianta, che d’inverno soffre il freddo, io consiglio sempre di effettuare una leggera potatura fine estiva/autunnale per esempio eliminando le firoriture e alcune foglie – che puoi seccare, da far tisane in inverno – e se la pianta è esposta al freddo la cosa migliore sarebbe anche proteggerla, per esempio con il tessuto non tessuto; in primavera invece la potatura può essere più o meno intensa in base anche al tipo di allevamento che tu vuoi fare: se decidi di tenerla ad arbusto allora la potatura sarà più alta, invece se vuoi rinnovarla erbacea dal basso allora dovrai scendere a potarla fino ai 20 cm da terra, o anche meno…vedrai che l’Erba Luigia ricaccerà dei bei getti verdi. Per il cren o altre le piante che desideri, noi di in-orto siamo sempre disponibili a tutte le spiegazioni che vorrai!
      Salute e buon orto.

  4. giorgio capuzzo ha detto:

    Grazie Stefano,
    credo opterò per una spuntatina e un tessuto non tessuto, ora che ricordo, un vecioto mi disse: metti un pò di paglia alla base per tenerla al calduccio che te ne pare? Grazie
    (Giorgio)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Giorgio,
      grazie a te! Approvo anche il consiglio del tuo amico ortista, la paglia aiuta sempre, se messa alla base del fusto delle piante.
      Salute e buon orto

  5. paola ha detto:

    Salve,
    ho seminato la cedrina nei vasetti, ora stanno nascendo delle piantine, come posso capire se sono piante di cedrina o erbacce?
    Su internet non ho trovato nulla di come sono fatte le piante appena nate, si può avere una foto dei semensali di cedrina?
    Grazie mille
    (Paola)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Salve Paola,
      complimenti per la tua semina innanzitutto…bella sensazione quando si vedono nascere le piantine seminate personalmente!
      Anche se non sai come sono fatti i semensali di cedrina potrai capirlo aspettando un po’ di tempo, facendo crescere quello che ti spunta nel vaso..vedrai che dopo le prime foglioline anonime spunteranno quelle profumate e riconoscibili belle cedrina…pianta fantastica!
      Salute e buon orto.

      • paola ha detto:

        Grazie per la risposta,
        infatti ora ci sono piantine nate che si capiscono che sono erbaccie e altre no, ora aspetto ancora e le lascio in serra poi quando capisco se profumano vuol dire che mi sono riuscite, se no poi riproverò alla prossima semina…ma si possono seminare anche a settembre?
        Mi piacciono molto le piante sopratutto queste anti zanzare che le metto in girino dove sta il mio cane per evitare troppe zanzare! Poi ho provato anche con la tela e stanno spuntano le foglie, è due anni devono passare per trapiantare in terra o in vaso?
        Grazie Scusa se faccio troppe domande ma sono due anni che pianto e sono alle prime armi visto che ho 23 anni.
        Grazie
        (Paola)

        • Stefano Pissi ha detto:

          Ciao Paola,
          prego, sei la benvenuta con tutte le domande che vuoi, specialmente se “inesperta” come dici tu! Per la coltivazione della Lippia potresti provare – oltre alla semina – anche le talee, da fare con i rametti legnosi a fine estate…è un metodo più rapido rispetto alla semina, che farei a fine inverno però. Non capisco cosa intendi dire con semina con la tela, scusa te, puoi spegarti meglio? Grazie.
          Salute e buon orto!

  6. paola ha detto:

    Salve,
    dicevo che ho fatto la prova con le telee e ora i rami stanno sbocciando!  
    grazie mille.
    (Paola)

  7. steph ha detto:

    Ciao,
    purtroppo la mia pianta di Lippia presenta delle chiazze bianche “lanose” non so se è un fungo o altro,
    come posso fare per toglierle? Ho trovato un paio di ragnetti color marrone chiaro, se uso l’olio di neem diluito con acqua e vaporizzato poi posso comunque usarla per gli infusi? Non è pericoloso visto che la pianta potrebbe assorbire l’olio e poi berlo in infuso?
    Grazie un saluto.
    (Steph)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao,
      da come descrivi il problema che ha la tua pianta di Lippia non sembra un fungo, ma piuttosto un infestazione di insetti fitomizi – tipo afidi, per questo l’uso dell’olio di neem – leggi pure l’articolo che trovi nel link – potrebbe essere un buon rimedio per abbattere questi parassiti, per utilizzare poi le foglie essiccate per farne infusi basta che tu aspetti almeno due o tre giorni dopo l’ultimo trattamento prima di raccogliere le foglie, di modo che l’effetto del neem svanisce.
      Salute e buona Lippia!

  8. Mavie ha detto:

    Buongiorno,
    cerco aiuto per la mia erba Luisa.
    L’ho piantata l’anno scorso sotto un limone e non è cresciuta per niente, anzi, spuntano delle piccole foglioline ma poi dopo pochi giorni sembrano arricciarsi e seccarsi soprattutto sulle punte.
    Così quest’anno le ho cambiato posto pensando che il limone le facesse troppa ombra e l’ho messa in un vaso al sole pieno. Niente da fare,stesso problema,stessi risultati. Cosa posso fare, dove sbaglio?
    Grazie fin d’ora per l’aiuto.
    (Mavie)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Buongiorno Mavie,
      la Lippia – o erba Luigia/Luisa – è una pianta abbastanza rustica e di facile coltivazione, nel senso che non ha particolari esigenze colturali e malattie che la colpiscono. Hai fatto bene a spostarla dalla copertura del limone in quanto la pianta predilige esposizioni assolate; fai bene attenzione poi alla natura del terreno, che sia ben drenato – cioè che l’acqua d’irrigazione – mai troppo abbondante per la lippia – scoli bene dal fondo del vaso.
      Probabile che la tua pianta abbia su di se una patologia fungina, per curarala falle dei trattamenti a base di poltiglia bordolese – guarda il video nel link.
      Vedrai che con questi accorgimenti avrai l’erba luigia più bella del mondo!
      Salute e buon orto.

  9. ROSARIO D'ANGELO ha detto:

    Buon giorno a tutti,
    mi chiamo Rosario, mi spiegate il discorso del tessuto non tessuto?
    Credo sia un telo non trasparente, e come fa la pianta senza la luce?
    Grazie a chi mi risponderà.
    (Rosario D’angelo)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Rosario,
      il T.N.T. è un tipo di tessuto che anche se non trasparente, ma opaco, riesce comunque a far passare sia luce che aria, necessari alla vita della pianta che rimane da esso protetta. Ovvio che devi scegliere il tipo di tessuto specifico per questa operazione, con il giusto spessore.
      Salute e buon orto.

  10. Aurelia ha detto:

    Ciao a tutti, mi serve aiuto per la mia pianta cedrina.
    Da poche settimane l’ho comprata in vivaio, l’ho addossata ad una parete e ho fatto un modo che sia esposta a sud.
    Il problema è che le foglie in cima hanno cominciato ad arricciarsi e a piegarsi verso il basso, mentre nella parte più bassa della pianta sembra tutto ok e addirittura vedo spuntare delle foglie nuove. Secondo voi qual è il problema? Annaffio troppo? Troppo poco? Troppo sole? Aiutatemi! Grazie mille!

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Aurelia,
      bellissima pianta la Cedrina!!!
      Può darsi che la tua pianta, da come descrivi la situazione, sia attaccata da degli afidi – pidocchi delle piante – che le fanno arricciare le foglie, ma niente di preoccupante…controlla se srotolando le foglie arricciate noti degli insettini nascosti… tienici aggiornati.
      Salute e buon orto.

  11. Loredana ha detto:

    Buon giorno,
    io ho una pianta di erba luisa in vaso, ha fatto dei rami lunghi che all’inizio avevsno le foglioline solo in cima, ora si sono un po’ infoltiti rimanendo spogli dalla base. Vorrei raccogliere le foglie per preparare il liquore, ma è il periodo giusto o devo aspettare più avanti?
    E in primavera posso potarla tagliando in basso in modo che si infoltisca?
    Grazie.
    (Loredana)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Loredana,
      che bella e buona l’erba luigia!
      E’ normale che a fine estate – nel momento della fioritura – la pianta si defogli leggeremente.
      Ti suggerisco adesso di potare leggeremente la pianta che in autunno rimetterà foglie nuove da poter raccogliere e farne infusi.
      Poi proteggila per il freddo invernale e a primavera potala nuovamente.
      Salute e buon orto.

  12. STELIO ha detto:

    Salve,
    dove posso acquistare la pianta della Luigia??
    Vorrei provare a fare il liquore, ma non so’ dove reperire queste foglie.
    Grazie
    (Stelio)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Stelio,
      non sapendo dove abiti mi è impossibile consigliarti un vivaio di riferimento vicino al tuo orto dove poterla acquistare ma, ma l’erba Luigia – Lippia citriodora – è una pianta comune e quindi facile a reperirsi in un vivaio o garden attrezzato, basta che fai la richiesta con il suo nome proprio scientifico.
      Rivolgiti pure al più vicino garden di riferimento e se non riesci contattaci nuovamente per fare una ricerca più accurata.
      Salute e buon orto

  13. Jessica ha detto:

    Salve,
    da circa 20 giorni ho comprato una piantina di cedrina, ma adesso noto che sui rami versdi ci sono piccoli insetti verdi ammucchiati.
    Cosa sono e come posso liberarmene?
    (Jessica)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Jessica,
      credo che la tua pianta di cedrina sia stata attaccata da degli Afidi…i “Pidocchi delle Piante”.
      Nessun problema grave quindi e se vuoi contenerli in maniera con un prodotto biologico per afidi, consulta pure l’articolo qui linkato.
      Salute e buon orto.

  14. Valeria ha detto:

    Salve,
    ho una pianta di cedrina coltivata in vaso da circa due anni e questa sera, dalla mattina alla sera, le foglie presentavano delle macchie nere e mi sembravano leggermente accartocciate. Da due giorni ho apposto sul terriccio del vaso un pochino di concime granulare a rilascio graduale e questa. Mattina ho innaffiato.

    Come mai sono comparse queste macchie nere e le foglie accartocciate?

    Grazie per i consigli.

    (Valeria)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Valeria,
      Dalla descrizione scritta che fai, senza vedere immagini, sembra che la tua cedrina sia stata attaccata da un fungo patogeno, ma, considerando la rusticità della pianta non mi preoccuperei tanto; ti suggerisco quindi di potare leggermente la pianta…togliendo un po’ di foglie malate, e poi trattare tutta la chioma con della poltiglia bordolese. Il concime sarà gradito certamente e la pianta lo apprezzerà più avanti mettendo vegetazione nuova e verde.
      Salute e buon orto.

  15. Valentina ha detto:

    Buonasera,
    mi chiamo Valentina e ho letto con tanto piacere tutti i vostri consigli, potrei averne bisogno un paio anche io.

    Ho acquistato questa profumatissima pianta a maggio ed è cresciuta tantissimo tanto è che ho dovuto mettere nel vaso una stecca per arrotolare un po’ i rametti più lunghi e nella parte bassa dei rami, dove non ci sono le foglie ho legato uno spago per cercare di tenere i rametti più vicini.

    ora mi piacerebbe travasarla in un vaso più grande per darle più spazio. È possibile in questo periodo dell’anno?

    infine volevo chiedere se posso già potarla un po’ (anche se vedo dei germogli) per cercare di darle una forma perché adesso non ce l’ha. Alcuni rami lunghissimi, altri più corti ma che si incurvano.

    Grazie mille e buona estate!

    (Valentina)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Valentina,
      grazie per i complimenti che ci fai!
      Per coltivare la lippia, in vaso come in terra piena, ti suggerisco certamente di sostenerne i rami con tutori come stai facendo ma anche di contenerne l’accrescimento riducendone la chioma con delle potature sulla parte verde….quelle foglie poi potrai seccarle e farne scorta per l’inverno, quando la pianta va in riposo.
      A fine estate/autunno poi potrai fare il cambio vaso e magari anche una potatura più sostanziosa per preparare la pianta ad affrontare l’inverno.
      Salute e buon orto.

  16. Valentina ha detto:

    Buonasera,

    ho scritto un commento qualche ora fa per avere qualche consiglio ma non si vede. Cosa devo fare?

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Valentina,
      ti ho risposto stamani…riesci a vedere lo scritto?
      Facci sapere.
      Salute e buon orto.

  17. paola bianchi ha detto:

    …ciao a tutti…
    …ho una bellissima pianta cedrina (così si chiama a Firenze)…
    …adesso è in un vaso grande sugli scalini di entrata della casa, all’esterno…
    …qualcuno mi sa dire se questa pianta tanto odorosa si può tenere all’interno?…
    …so che la maggior parte non si possono tenere dentro per problemi con l’ossigeno…
    …grazie a tutti…
    (Paola – Firenze)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Paola,
      la Cedrina o Lippia o Verbena Odorosa…pianta dai cento nomi è un’essenza vegetale certamente da esterno, anche se in inverno sente il freddo…
      se tu la ricoveri all’interno certamente gli devi concedere circolazione d’aria, per permettere i suoi vitali scambi gassosi…assunzione di anidride carbonica e respiarzione..basta aprire le finestre durante la giornata.
      Salute e buon orto.

  18. Fabio ha detto:

    Salve,
    Qualcuno mi puoi dire come mai la pianta ha iniziato a perdere le foglie?
    Può essere il caldo di questi giorni?
    (Fabio)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Fabio,
      Certamente, quando le piante in genere sono stressate allora tendono a perdere le foglie, per patire meno il caldo.
      Salute e buon orto.

  19. Massi ha detto:

    Buonasera,
    posso sapere gentilmente questa tisana a cosa serve?
    Grazie.
    (Massi)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Massi,
      la tisana fatta con le foglie di Lippia è certamente un prodotto rinfrescante e profumato, le specifiche informazioni erboristiche però non riesco a dartele,
      coltivala certamente e sentirai che profumo.
      Salute e buon orto.

    • Nara Marrucci ha detto:

      Cara o caro Massi, la tisana, come già riportato nell’articolo ha proprietà digestive, rilassanti e può aiutare un buon sonno. Oltre ad avere un buon sapore! Provalo con un cucchiaio di miele la sera di prima di addormentarti! 😀

  20. pietro pirrello ha detto:

    Buondì,
    ho comprato da poco una pianta cedrina, l’ho travasata con un giorno di ritardo ed era appasita, si è ripresa, ma esagerando un pò con l’acqua sono diventate gialle le foglie, ho messo dell argilla espansa. Adesso ci sono delle foglie come se fossero bruciate.
    Ha bisogno di qualche prodotto?
    Grazie,
    (Pietro)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Pietro,
      capisco, se hai irrigato troppo la pianta si è stressata e per questo ha ingiallito le foglie, poi sono divenntate da gialle a marroni seccandosi, ma è normale.
      Non ti preoccupare, adesso dai tempo alla pianta di rimettersi dal suo stress semplicemente riducendo le irrigazioni e aspettando che metta nuove foglie, non servono prodotti.
      Salute e buon orto.

  21. pietro pirrello ha detto:

    Grazie Stefano,
    vediamo come va, però noto delle foglie bucate.
    (Pietro)

Lascia un commento