Quando e come seminare e trapiantare il finocchio

FinocchioA metà estate, quando sembra che nell’orto ormai ci sia già tutto e non si possa chiedere di più, ecco che arriva il momento di seminare il finocchio! Se siamo stati previdenti e abbiamo lasciato un po’ di spazio, magari dove prima c’erano piselli e spinaci, potremo riempirlo con le foglie piumose del finocchio, se poi lo circonderemo di insalatine, ‘lui’si troverà benissimo! Se invece abbiamo un orto-giardino possiamo trapiantarlo ovunque, per esempio sarà bellissimo se lo utilizzeremo per fare un bel cuscino ai piedi delle rose.

Del finocchio abbiamo già parlato in un post precedente, di cui vi consiglio di leggere il link per avere un quadro completo sulla sua coltivazione, tuttavia qualcosa si può sempre aggiungere…

Semina – Si semina da luglio a settembre, ma anche a fine inverno, dipenderà da dove abitiamo. Al sud posticiperemo il più possibile e l’importante sarà evitare i mesi troppo caldi. Al Nord e in alcune zone del Centro, dovremo invece stare attenti ad evitare i mesi freddi!  Sul clima il finocchio è abbastanza esigente: se fa troppo caldo fiorisce e se fa troppo freddo gela e marcisce. Soffre sotto i 7° così come sopra ai 30°, per cui regoliamoci di conseguenza: coprendolo dal freddo o dal sole a seconda dei casi! La varietà ‘Montebianco’ (il nome la dice lunga) può sopportare anche un paio di brevi gelate intorno ai -5°. Per fare le giuste considerazioni climatiche è importante sapere che dalla semina alla raccolta possono trascorrere circa 80/90 giorni. Finocchi

Come effettuare la semina in pieno campo:

1 – lavoriamo il terreno incorporando sostanza organica, letame ben decomposto e maturo, e qualche giorno prima della semina irrighiamo abbondantemente il terreno;

2 – tracciamo dei solchi poco profondi (la profondità di semina è di circa 1,5 cm) a 50-70 cm l’uno dall’altro, spargiamo il seme e ricopriamo con un piccolo strato di terreno, comprimiamo leggermente e annaffiamo. Quando spunteranno le giovani piante (in 8 -20 giorni), diradiamo lasciando 4 o 5 piantine per ogni metro lineare;

3 – una volta che le piantine saranno cresciute rincalziamole tutte intorno con della terra per favorirne l’imbianchimento, ma ancora più utile sarà la pacciamatura con foglie secche in autunno per proteggere i grumoli dal freddo;

Come effettuare il trapianto:

1 – Se abbiamo seminato i finocchi in semenzaio, o abbiamo deciso di comprare delle piantine già pronte trapiantiamoli 40 giorni dopo la semina o quando avranno raggiunto i 15 cm di altezza, interrando di 4 o 5 cm il colletto delle piantine;

2 – se siamo in estate annaffiamo spesso per favorire un rapido attecchimento e pacciamiamo per mantenere il terreno umido ed evitare l’evaporazione dell’acqua;

3 – quando la base inizierà ad ingrossarsi, anche questa volta, rincalziamo i grumi con la terra.

Fin occhioRicordiamo che le foglie tenere sono molto buone anche in insalata e se il caldo ci giocherà qualche scherzo e la pianta andrà a seme, raccogliamo le infiorescenze dal leggero sapore di anice e usiamole in cucina per profumare pane o focacce o altre pietanze!

Commenti
8 Commenti a “Quando e come seminare e trapiantare il finocchio”
  1. Nicotra Gianni ha detto:

    Salve
    consiglio per la messa a dimora in campo aperto:

    prima occorre fresare il terreno  ad una profondità di 15-20 cm e concimare abbondantemente

    distanza tra le piante 30 cm , effettuare le buche ad una profondità di 10-12 cm, concimare il fondo della buca (io uso concime stallatico granulare)  e ricoprire con un leggero strato di terra 1-2 cm

    mettere a dimora la piantina (attenzione a questa fase , la piantina e’ molto delicata).

    Spero di essere stato di aiuto

    Ciao a tutti
    (Gianni)

  2. gianluca ha detto:

    salve,
    ho un orto, e una parcella l’ho dedicata alla coltivazione dei finocchi, inizilamente sono cresciuti bene e si stavano igrossando poi il caldo delle ultime settimane li ha fatti crescere ma in altezza e sono spuntati i fiori. Che posso fare, dopo la fioritura oltre che raccogliere i semi potro mangiare i finocchi oppure non si ingrosseranno più?
    (Gianluca)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Gianluca,
      esattamente come hai descritto te il fenomeno si manifesta la crescita dei finocchi cioè, se il clima non è eccessivamente caldo allora la pianta riesce a svilupparsi vegetativamente formando il culmo sotto terra che durerà per tutto l’autunno inverno, contrariamente se le temperature sono molto alte, oppure se la pianta soffre crisi idriche tenderà a stressarsi anticipando la fase di fioritura che una volta iniziata pregiudicherà l’ingrossamento ulteriore del culmo. Probabilmente hai anticipato il trapianto dei finocchi, che però potrai riprovare a fare da metà agosto in avanti, per mangiare finocchi belli grossi per tutto l’inverno.
      Salute e buon orto.

  3. Maura Damiano ha detto:

    Salve o piantato da poco dei semi di finocchio.
    Ora sono nate delle piccole foglie. Però siccome le o piantate tutte vicino tra di loro, quand’è che le posso separare?
    (Maura)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Maura,
      ottima mossa ortistica la tua…meglio la semina che il trapianto del finocchio.
      Puoi diradarli nel momento in cui vedi che le piantine sono almeno 10 cm circa, che li predni bene con le dita, e che vedi anche quali sono i più belli da lasciarli giù…ovvio che proverai a trapiantare gli altri.
      Salute e buon orto.

  4. alessandro ha detto:

    Buongiorno,
    oggi 26 settembre 2018, chiedo: è tardi per seminare i finocchi??
    Grazie!
    (Alessandro)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Sandro,
      la semina dei finocchi in pieno campo, cioè direttamente nell’orto, all’aperto, si fa in due momomenti dell’anno precisi in base anche al tipo – varietà – di finocchio che vogliamo coltivare, in particolare:
      1 – semina estiva – giuno/agosto – per la raccolta autunno invernale
      2 – semina primaverile, per la raccolta estiva.
      A settembre puoi provare a piantare direttamente le piantine.
      Salute e buon orto.

Lascia un commento