Come capire se il melone è maturo?

Buongiorno Nara, mi chiamo Lorenzo ho 31 anni e  vivo a Milano con la mia ragazza. Abitiamo in un condominio abbiamo a disposizione un piccolo balcone e ci è difficle coltivare alberi da frutto; abbiamo solo una pianta di limoni e qualche fiore. La mia domanda esula quindi dalla coltivazione, ma riguarda i frutti estivi perché non vedo l’ora che arrivi il caldo.

Volevo chiederle se il trucco di odorare il melone è veritiero per constatarne la maturazione. Ed esistono altri sistemi per capire se il melone, o l’anguria o il fico d’india siano veramente maturi? Grazie per la risposta.

(Lorenzo – Milano)

Ciao Lorenzo, anche se il vostro balcone è piccolo, spero che possa contenere almeno qualche vaso dedicato all’orto, magari anche una sola pianta di pomodoro o di basilico, capisco però che i fiori non possono mancare.

Per quanto riguarda il melone è ovvio che un profumo intenso non può che essere di buon auspicio, ma non è detto che il sapore lo sia altrettanto. Su come fare a sapere se un melone o un’anguria siano maturi o buoni prima di aprirli si potrebbe scrivere un libro: ciascuno ha un suo metodo e ciascuno è certo di conoscerne il migliore. C’è chi lo annusa, c’è chi lo soppesa (la tesi è quella che a parità di grandezza è più buono quello che pesa di più perché contiene maggior succo), c’è chi del melone guarda le due estremità, che devono essere appena cedevoli per provare che è giunto a maturazione. Sul cocomero ho visto scene a dire poco esilaranti nel tentativo di carpirne la dolcezza interna, tamburellamenti, sollevamento pesi, ascolti sensitivi con l’orecchio premuto contro la buccia, insomma di tutto e di più.

Scegli tu il migliore e buona fortuna.

Commenti
17 Commenti a “Come capire se il melone è maturo?”
  1. Franco Da Re ha detto:

    Per giudicare se il melone è maturo dovete guardare l’attacco del picciolo. Deve presentare una leggera screpolatura che circonda l’attacco stesso. Alcuni meloni (le nuove varietà Long shelf life) non sono particolarmente profumate e spesso non virano di colore ma sempre, se sono mature, devono presentare la screpolatura attorno al picciolo. In caso contrario e come diceva Totò “desisti”.

    • nara marrucci ha detto:

      Grazie Franco per il suggerimento, che mi sembra quello di un vero esperto. Allora d’ora in poi screpolatura, altrimenti, come consigliato da te e da Totò (che peraltro adoro) desisto.

      • gabriele ha detto:

        Per il cocomero invece il picciolo deve essere secco.

        • nara marrucci ha detto:

          E’ vero Gabriele, grazie per l’aiuto!

          • gabriele ha detto:

            Grazie, se vuoi fare prima c’e’ anche un altro sistema …. se noti, il cocomero dove ha il picciolo ha un piccolo raspo (tipo viticci x intenderci) e una fogliolina (facci caso li hanno tutti) quando il primo è secco e la fogliolina è caduta si raccoglie, cosi eviti di trovarti magari un cocomero troppo avanti di maturazione 😉

          • nara marrucci ha detto:

            Gabriele sei prezioso! Un saluto e ancora grazie 😉

  2. Marco ha detto:

    Ma se trapianto il melone il primo di luglio fa il frutto o no??

    • nara marrucci ha detto:

      Direi di sì Marco, il melone si può trapiantare fino a fine luglio, se abiti in una zona dove il freddo non arriva troppo presto. Insomma deve avere il tempo (sole e caldo) per maturare, ovvero dal trapianto alla raccolta impiegherà circa 90 gg!

  3. Marco ha detto:

    Nara ho un problema non riesco a capire quando é maturo… Consigli??

  4. Manuela ha detto:

    Salve,
    ho delle piante di melone che sono già secche ma che hanno meloni, sembrano maturi, anche se non molto grandi, devo staccarli?
    Grazie
    (Manuela)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Manuela,
      certo che devi raccogliere i meloni, a maggior ragione se le piante sono ormai secche e quindi non più vegetanti. Delle dimensioni non preoccupartene, l’importanza è la loro genuinità e il loro sapore!
      Salute e buon orto.

Lascia un commento