Insetti nell’orto, anche le ‘forbicine’ possono essere utili

ForbicineNon tutto ciò che all’apparenza ci sembra sgradevole viene per nuocere. E’ il caso delle forbicine. Sì avete capito bene le forbicine, ma non quelle con cui ci tagliamo le unghie, bensì quelle che spesso troviamo nell’insalata quando andiamo a pulirla nel lavello.

Il suo nome scientifico è Forficula auricularia, è un insetto onnivoro, che mangia di tutto anche le piante e infatti è lì che spesso la troviamo, ma di preferenza si nutre di animaletti più piccoli e dannosi come gli afidi, ma gradisce anche le cocciniglie e i ragnetti rossi. Quindi, in definitiva, potrebbe essere utile avere una coppia di questi animaletti sul terrazzo in primavera come nostri alleati per eliminare i primi parassiti della stagione.

Va bene che le coccinelle sono le nostre preferite perché, sono ‘belle’ simpatiche e portano fortuna, soprattutto nel nostro orto perché sono delle abili predatrici di afidi e cocciniglie, ma anche altri insetti possono essere senza saperlo nostri alleati. Se non saremo sempre a scacciare chiunque, anche all’interno di un terrazzo urbano, potrebbe innescarsi un processo virtuoso e con la forbicina arrivare un suo predatore, come il sirfide o la formica e dopo a sua volta altri piccoli abitanti.

Coccine

Se pensiamo comunque che con il tempo questo insetto possa diventare troppo numeroso, non certamente il primo anno perché svernano in coppia e la femmina depone le uova solo a fine inverno, potremo in futuro sbarazzarcene facilmente creando per loro una sorta di piccolo rifugio scuro e umido, riempiendo un vasetto di paglia o fieno, rovesciato e sorretto da un bastoncino. Le forbicine sarà lì che andranno ad ‘accasarsi’ e a quel punto potremo trasferirle facilmente in campagna!

D’ora in poi se avvistate una forbicina sul vostro terrazzo o nel vostro orto non vi allarmate, né tantomeno se la troverete nella lattuga acquistata, sarà solo il segno che è stata coltivata in modo più naturale!

foto di Massimiliano Calamelli e di epitree da flickr

Lascia un commento