Che colture redditizie posso avviare su un terreno di montagna?

Ciao,
mi chiamo Walter ed ho 34 anni. Possiedo un piccolo castagneto sul Monte Amiata, insieme ad una parte di terreno incolta e prativa.
Il terreno si trova a circa 750m, in una zona riparata e leggermente in pendenza. Vorrei creare una coltura che mi dia reddito. Avevo pensato di recuperare piante di lamponi che qui crescono spontaneamente e crearne una piccola coltivazione, integrando con piante di vivaio. Le altre idee riguardavano le erbe aromatiche e i topinambur. Magari potrei accedere, inizialmente ai fondi che la Comunità Europea mette a disposizione per i giovani, agricoltori. Che dici? Consigli?
Ciao e grazie.
(Walter)

Ciao Walter,
aiutarti a mettere a coltura il tuo terreno di montagna mi stimola molto.
Di colture che puoi intraprendere in montagna sono diverse – tutte redditizie per la vendita dei prodotti che potrai realizzare – come, lamponi, fragole, mirtilli, la scelta la farei in base anche all’orientamento del mercato, cioè in relazione a quello che effettivamente riuscirai a vendere come prodotto agricolo finale e anche in base a quanto tempo potrai dedicare a questo tipo di attività agricola, immagino parallela alla tua principale.
Erbe aromatiche e topinambur sono colture interessanti ma le vedo più adatte a climi meno montani, per avere produzioni migliori. Per i piccoli terreni di montagna come il tuo – immagino – una coltura che mi sento di suggerirti è lo zafferano, per aiutarti nella coltivazione consulta pure l’articolo che trovi nel link. Per avere informazioni specifiche sulla coltura e cultura dello zafferano, consulta pure l’indirizzo che trovi nel link.
Salute e buon orto!

Commenti
2 Commenti a “Che colture redditizie posso avviare su un terreno di montagna?”
  1. Vittorio ha detto:

    Buon giorno,
    ho un terreno di 13 ettari, in montagna, provincia di Catanzaro, ad una altezza di 800 metri per la maggior parte seminativo.
    Vorrei un consiglio per mettere a reddito questo terreno.
    Grazie,
    (Vittorio – Catanzaro – Calabria)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Buongiorno Vittorio,
      deve essere proprio un bell’ambiente quello che ci descrivi, la montagna mi fa pensare a terra, acqua e aria buone…e questa è una buona partenza.
      Le possibilità di mettere a reddito la tua terra sono diverse, variabili in base anche ai tuoi gusti, esigenze e richieste di mercato dei prodotti che vorrai vedndere.
      Oltre alla parte di sminativo – che manterrei se ti crea reddito – prenderei in considerazione di diversificare le colture inserendo anche coltivazioni arbustive come i piccoli frutti – lamponi, more, mirtilli, oppure anche fruttiferi arborei quali castagni, noci, ciliegi, meli. Puoi anche pensare aorive erbacee montane come le patate. In generale considera – se ci sono – le varietà locali tipiche per avere prodotti più appetibili in senso lato.
      Ho fatto un elenco di tutte le possibili idee…ovvio che per un impresa agraria di 13 ettari dovrai valutare personalemnte su campo con un progetto scritto.
      Salute e buon orto.

Lascia un commento