Come difendere il mio orto dalla fauna selvatica?

Salve,
ho un piccolo orto sinergico e ieri ho visto che molte piantine erano state completamente mangiate: insalata, cavoli cinesi, qualche piccola catalogna, il girasole e il tagete completamente mangiati, solo il fusto è rimasto.
Del basilico neanche pìù l’ombra.
Qualche foglia di zucchina appena morsicata.
Pomodori, ceci e peperoni invece non sono stati toccati.
Dato che l’orto è vicino ad un bosco e visto cosa è “scomparso” ho pensato che si tratta di conigli selvatici o lepri.
Le mie intuizioni sono corrette?
C’è  una soluzione per allontanarli (senza danneggiarli) questi animaletti?

Grazie mille!

(Giuseppe)

Salve Giuseppe
Che bel paradiso di orto che ci descrivi, con una varietà di verdure niente male.
E anche la vicinanza al bosco è una bella cosa, perchè la selva è fonte di Biodiversità…compresi anche i predatori dei tuoi ortaggi però.
Quindi, siano essi lepri, conigli o caprioli, l’unico rimedio che mi viene in mente di consigliarti è quello di recintare l’area, con una rete abbastanza robusta che affondi nel terreno almeno 50 cm, per escludere anche la presenza di animali che possono scavare!
E’ un bell’investimento si; ma poi almeno stai tranquillo…buon lavoro!

Commenti
1 Commento a “Come difendere il mio orto dalla fauna selvatica?”
  1. zinzi ha detto:

    Salve,
    il macerato di aglio e peperoncino dovrebbero allietare la dieta delle tue piantine e detrarle dagli animaletti, a meno che non siano messicani o indiani :D.. piantare peperocino intorno all’orto da sfalciare regolarmente quando maturo potrebbe essere un rimedio sempre che ne raccogli qcn per lo spaghetto! solanacee non gli sono gradite è chiaro 😉
    (Cinzia)

Lascia un commento