Come aiutare un ciliegio dopo il trapianto?

Vivo e lavoro a Varese, mi piace il giardino un pò vecchio, con tanti fiori e profumi e pieno di uccellini, farfalle, lucertole, topolini, insomma aperto a tutti. Sono nonna e così ho piantato anche alberi da frutto, per i fiori,  per i frutti, per le marmellate tra chissà quanti anni. Ogni suggerimento è gradito.

A maggio mi hanno regalato un ciliegio e l’ho piantato, ma purtroppo non sta assolutamente bene, le foglie sono mogie, ingialliscono e io non so come aiutarlo. E voi?

(Annalisa -Varese)

Cara Annalisa, i motivi per cui il tuo ciliegio non sta al meglio possono essere mille. Il rimpianto è appena avvenuto per cui potrebbe trattarsi anche di un ‘malessere’ da adattamento. Spero che tu abbia eseguito un buon impianto dopo avere letto il nostro post su  ‘come piantare un albero da frutto’.

Il ciliegio ama le posizioni arieggiate dove il caldo non è mai eccessivo, il terreno fresco e profondo. Prova ad aiutarlo con del concime organico a lenta cessione o con del macerato di ortica o del buon compost. Un albero ben nutrito supera meglio qualsiasi stress. Inoltre potrebbe essere necessaria una potatura da trapianto, per  ristabilire un equilibrio tra parte area e radice, a questo proposito leggiti questo link sulle potature degli alberi da frutto, c’è una parte che riguarda proprio la ‘potatura al trapianto’ ti sarà di grande aiuto!

Facci sapere! Intanto goditi il tuo ‘spazio aperto’, anche da me è un così: tutti sono ospiti graditi, ma talvolta qualcuno se ne approfitta e butta tutto all’aria! Dovresti vedere cosa non ha combinato un cinghiale una settimana fa! Meglio dimenticare! Saluti!

Lascia un commento