Si possono coltivare in vaso i pomodori sardi?

E’ possibile coltivare in vaso i pomorini sardi? In caso affermativo, è facile reperirne i semi e poi prendersene cura? Mi sembra il momento adatto per farlo. Grazie mille

(Roberta 81)

Hai scelto proprio l’ortaggio giusto! I pomodori in genere sono molto adatti al vaso e quelli sardi in particolare modo, quindi hai due possibilità: primo procurarti i semi (li trovi veramente in qualsiasi consorzio agrario, ma anche in vivaio) e all’inizio della primavera seminarli  al coperto in vasetti di torba o in semenzaio; secondo,  se non hai un locale abbastanza caldo e luminoso, puoi comprare delle piccole piantine pronte al trapianto, ma per questa operazione devi aspettare fine aprile.

Se sei decisa per l’utilizzo dei semi devi ricordarti che vanno diradati appena possibile e, quando le piantine selezionate avranno 3 o 4 foglie, trapiantale in un vasetto più grande. Soltanto quando saranno alte circa 20 cm. e  la stagione sarà veramente mite potrai metterle a dimora all’aperto, poiché i pomodori sono molto sensibili al freddo. Vedrai le soddisfazioni non mancheranno!

Commenti
1 Commento a “Si possono coltivare in vaso i pomodori sardi?”
  1. bibo ha detto:

    Salve,
    il camone sardo originale non esiste piu perché la ditta che lo produceva ne ha dismesso la produzione e ora fanno un pomodoro camone migliorato (kamonium) che viene venduto solo in grossi quantitativi per le aziende agricole minimo 1 KG di semi.
    Ora pare che abbiano fatto anche una versone nuova dal nome T 18.
    Esistono però altre ditte che commercializzano semente clone cioè non identiche ma equivalenti che si chiamano Reginella f1 della ditta ingegnoli e altri quali in NAXOS oppure SARDOS F1 ed altri… Esistono anche amatori di giardinaggio che per hobby hanno deibridato il camone originale perciò ora girano per la rete dei semi di pomodoro molto simile al camone frutto di questi hobbysti.
    Le differenze sono veramente minime tra i vari cloni, sono veramente minime tanto che mi fa pensare che siano nomi commerciali ma che alla fine il seme sia sempre il solito rimarchiato ad eccezione di quelli amatoriali che sono veramente fatti in casa con un processo di deibridazione che ha portato a dei pomodori a volte  troppo diversi.
    http://tatianastomatobase.com/wiki/Camone
    In tutti i casi, sia che trovi il seme migliorato o i cloni commerciali o quelli deibridati amatoriali ti accorgerai che il pomodoro sardo non viene bene lontano dal salmastro marino dunque se abiti lontano dal mare ti verrà ma il sapore sarà totalmente diverso….. puoi integrare l’annaffiatura con un pochino di sale da cucina appena appena e con un pelino di sale inglese preso in farmacia.
    (Bibo)

Lascia un commento