E’ possibile creare un reddito, con un impianto di Fichi?

Salve,
sono un ragazzo di 26 anni e vorrei cambiare la mia vita esaudendo un sogno, ossia coltivare la terra.
Secondo voi è fattibile la costruzione di un ficheto su un ettaro di terra con possibilità di acquisto di un altro ettaro? c’è una possibilità di guadagno?
Grazie.
(Daniele – Salento – Puglia)

Ciao Daniele,
il tuo sogno ci sta a cuore e cerchiamo per questo di darti il nostro aiuto.
La coltivazione del fico è certamente una coltura agraria che può darti del reddito, se specialmente coltivi varietà di fichi adatti all’essiccazione; in questo modo aumenti notevolmente il valore aggiunto, rispetto al prodotto fresco, e inoltre, una volta essiccati, i frutti diventano commerciabili anche in un tempo successivo alla raccolta.
Riguardo alla coltivazione amatoriale del fico ti suggerisco la lettura dell’articolo che trovi nel link. Invece per quanto concerne il tuo progetto ti suggerisco di consultare le associazioni di categoria: C.I.A. e Coldiretti per avere bene chiaro le possibilità di sviluppo economico del prodotto negli anni.
Riguardo alla coltivazione del fico in salento consulta pure il link al sito e per avere un vivaio di produzione di piante di fico in Salento consulta quest’altro link.
Tienici aggiornati sul tuo progetto, che siamo felici di aiutarti ancora se ne avrai bisogno.
Salute e buon orto.

Commenti
2 Commenti a “E’ possibile creare un reddito, con un impianto di Fichi?”
  1. Elvira ha detto:

    Ciao. Anche io vorrei intraprendere questa strada.
    Il ragazzo ha realizzato il suo progetto?
    Io sono in Calabria, provincia di Cosenza. Sai darmi qualche altra delucidazione?
    Grazie.
    (Elvira – Cosenza)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Elvira,
      non sappiamo se è stato realizzato e come eventualmente sia andato l’investimento che abbiamo suggerito.
      Il consiglio di partenza che diamo a chi desidera intraprendere nel campo dell’agricoltura è quello innanzitutto di capire bene che tipo di prodotto si vuol vendere sul mercato e indagare poi se il mercato – attualmente almeno – è recettivo per quel prodotto. Mi affiderei per questo primo passo alle associazioni di categoria della tua zona, poi potrai passare alla fase agronomica…scelta delle piante ecc ecc.
      Salute e buon orto.

Lascia un commento