Inizia il 2021 nell’orto con pioggia, pioggia e ancora pioggia

Orto e pioggia

Pioggia nell’orto

Il mio orto è sotto l’acqua e nella mia serra c’è un presepe al post delle semine. Non è male come apertura del 2021. E oggi giorno dell’Epifania anche la neve!

Quest’anno dovrebbe essere l’anno dedicato all’orto e al giardino. Dopo tre anni trascorsi a sistemare la casa, mentre al giardino non restavano che le briciole del mio tempo, adesso dovrebbe verificarsi un’inversione di rotta e l’orto e il giardino avere tutto il tempo e l’attenzione che meritano.

Per ora non vedo che un ruscellare d’acqua ovunque. Le vasche dell’orto, da poco allestite, sembrano piccoli specchi d’acqua rettangolari adatti ad accogliere pesci piuttosto che agli, scalogni e spinaci invernali, com’era previsto dalle mie semine dicembrine.

Tardive lo ammetto, ma come avrei potuto immaginare che, interrato l’ultimo spicchio d’aglio nel terreno, sarebbe iniziato a piovere e non avrebbe più smesso? Il ritardo fa parte del mio DNA, ma il tempo mi rema contro. E remare è uno dei verbi più appropriati da usare nel mio giardino ora, pieno di pozze ovunque, con la pioggia che scende senza sosta e con il mare il lontananza. Acqua sopra, sotto e all’orizzonte. La mia casa con il mio orto é una nave pronta a salpare.

 

LE VASCHE DELL’ORTO CON ASSI LEGNOVasche per l'orto con assi di legno

Le vasche dell’orto le ho preparate unendo tra loro delle assi di legno di castagno, riempite in basso con della terra che avevo nella compostiera, sopra dell’humus di lombrico, che ho fatto arrivare dal Centro Lombricoltura Toscano, e un paio di sacchetti di zeolite per dare porosità al terreno. Ho pensato di iniziare con della bella terra fertile, sperando poi di non dovere aggiungere niente, tranne che del compost auto-prodotto. La rotazione degli ortaggi, la pacciamatura, il compost e le radici stesse delle piante, dovrebbero con il tempo arieggiare e arricchire la terra e il mio intervento dovrebbe essere ridotto ai minimi termini.

Di fronte alle vasche ho uno spicchio di terra destinato ai fiori da taglio, tipo dalie, echinacee, piselli odorosi, gladioli, ecc., ma in attesa del periodo adatto alle loro semine o piantagioni l’ho riempito con dei cavoli in varietà: cappuccio, nero, riccio, riccio con le foglie rosse, tanto per vedere qualcosa crescere e anche per osservare la diversità tra le piante cresciute in vasca e quelle fuori, dove il terreno è arricchito solo con la pollina che mi regala mio cugino allevatore di qualche gallina.

 

Cavolo sotto la pioggia InOrto

Cavolo sotto la pioggia – InOrto

LA PIOGGIA SEMBRA NON FINIRE MAI 

Adesso questa ‘pioggia non stop’ mette a rischio tutte le mie sperimentazioni e l’unica cosa che posso fare e fermarmi in veranda a guardare quali sono le zone dove l’acqua ristagna maggiormente, per evitare di piantarci in futuro piante che non sopportano questa condizione.

Per il momento sto solo appurando che il tetto della legnaia, come quello della mia piccola serra, necessitano di riparazioni e questo mi sgomenta un poco. Quando si vive in campagna i lavori sembrano non avere mai fine!

Il mio è un giardino terrazzato aggrappato alle rocce, riparato da un lato, grazie a un piccolo poggio, dai venti di nord-est, ma esposto a quelli di sud-ovest. Quando spira il libeccio e il maestrale tenetevi forte!

 

Nevicata in giardino e nell'orto - InOrto

Neve nel giardino e nell’orto

UN GIARDINO CHE GUARDA IL MARE

Questi venti spettinano e strapazzano tutto il giardino. Non è facile per le piante resistere quassù, ma il panorama di cui godono è impareggiabile: il mare della Versilia incastonato nei verdi versanti delle Apuane. Ogni sera assistiamo ad uno spettacolo inedito. Niente di scontato, niente di già visto. Basta l’inclinazione di un raggio di sole, una nuvola sfuggita a un vento distratto che tutto cangia e muta. La meraviglia qui è sempre a portata di mano.

Le mie piante possono dunque essere felici: tutto questo in cambio di qualche fatica e qualche modesto compromesso!   

 

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Commenti
2 Commenti a “Inizia il 2021 nell’orto con pioggia, pioggia e ancora pioggia”
  1. Eva Maria Schalk ha detto:

    Super BLOG!

    What do you want to do ?
    New mailCopy

Lascia un commento