Come mai le mie carote crescono piccole e dure?

Salve,
sono un amante dell’orto mantovano, pensionato.
Chiedo il perche’ le mie carote arrivate ad un certo calibro, diventano legnose, immangiabili crude, nonostante abbia cambiato diverse sementi?
Grazie.
(Sergio – Mantova)

Ciao Sergio,
benvenuto nel sito in-orto!
La coltivazione della carota, come vedi nell’articol che trovi qui linkato, prevede pochi accorgimenti ma precisi, ovvero:
1 – terreno molto sciolto-leggero, cioè in terre pesanti, con molta argilla o limo, la pianta cresce ma fino ad un certo punto, per poi contorcersi e indurirsi come descrivi tu
2 – semina diretta, senza trapianto, e diradamento delle piante sufficente da non creare tanta concorrenza fra loro e per questo farle sviluppare al meglio.

Commenti
12 Commenti a “Come mai le mie carote crescono piccole e dure?”
  1. francesco GRANDI ha detto:

    Salve,
    ho avuto lo stesso problema con le carote nonostante il terriccio che si acquista sia molto leggero, ho avuto l’accortezza di mischiarlo con 1/3 si agriperlite che di solito utilizzavo per le mie piante carnivore. Pero il risultato è stato anche qui deludente, nel senso che nonostante la semina singola seme x seme  a 1 cm  e a circa 10/15 di distanza, dopo un tempo interminabile per la germogliazione, circa 40 giorni, i risultati dopo vari mesi, sono stati quelli di avere carote che erano, nella migliore delle ipotesi, di pochi cm, nella peggiore radici contorte ben lontane dalla forma che hanno le classiche carote che troviamo nei negozi.
    La cosa che mi fa pensare è che, sebbene il loro prezzo lasci presagire una certa facilita nella coltura in realta non sembra per niente semplice.
    Non mi arrendo e visto che sia le carote che i finocchi hanno le stesse esigenze e gli stessi tempi, ho deciso di utilizzare un contenitore specificatamente per loro, lavorando la terra il più possibile e ripiantando nei primi di luglio, sia finocchi che carote vediamo chi la spunta ;))))
    Buone ferie!
    (Francesco)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Francesco,
      il primo passo da fare sarebbe quello di non confrontare mai le dimensioni degli ortaggi che compri al supermercato, che vengono da agricoltura professionale, con i nostri prodotti dell’orto, che sono prodotti biologici, certamente più piccoli e storti, ma più sani e saporiti, non credi?
      Inoltre carote e finocchi coltivati da seme sono certamente più complessi e difficili rispetto ad un radicchio o una bietola. Stai attento alle fasi lunari e alle irrigazioni regolari, che permettono una crescita migliore e più aggraziata di carote e finocchi.
      Fai bene a ritentare.
      Salute e buon orto.

  2. francesco GRANDI ha detto:

    Ciao Stefano, le carote sono a ciclo medio precoce, 80/90 giorni dalla semina, i finocchi varieta romanesca.
    Piantati i primi di giugno in due diverse locazioni: l finocchi piantati vicino ai peperoni hanno gia buttato la parte aerea di circa 15 cm quelli piantati a parte con alcune carote in un altro contenitore con la stessa terra e dimensioni simili solo 1 si e affacciato con esterno di pochi mm mentre le carote manco se ne parla.
    So che per i finocchi ci possono volere anche sei mesi e quindi non mi preoccupo ma vorrei vedere se stavolta  le carote riesco a vederne qualcuna ;))

    BUONA GIORNATA
    (Francesco)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Francesco,
      Per le colture da seme, come finocchi e carote, ci vuole più tempo e quindi cura e pazienza anche, ma i risultati sono migliori rispetto ai trapianti.
      Continua così e non mollare con il tuo orto, ogni anno diverso e con esperienza in più.
      Salute e buon orto.

  3. francesco GRANDI ha detto:

    Ciao,
    stanno spuntando ho gia 12/13 piantine di finocchi e almeno 4/5 carote in un contenitore rettangolare di 120x45x40, il trucco di coprire la semina con della pellicola trasparente  dopo aver bagnato a modo il terriccio e facendo dei forellini con un stuzzicadente ha fatto da effetto serra velocizzando la germinazione, adesso tutte le piantine hanno già le foglie x la fotosintesi, quindi hanno anche superato le prime foglioline da seme e sono gia alte circa 15 cm.
    Sono molto soddisfatto spero di vedere e di mangiare soprattutto dei buoni finocchi e delle buone carote e se non vengono lunghe e dritte pazienza, l’importante e che siano buone ;)))))
    Grazie e buona giornata.
    (Francesco)

  4. FRANCESCO GRANDI ha detto:

    Salve,
    nell’augurare buone feste, comunico la raccolta in vaso di 3 finocchi romaneschi caratura circa 10cm e di ben 8 carote che questa volta sono venute lunghe circa 15 cm e belle dritte, sono molto soddisfatto!
    (Francesco)

  5. FRANCESCO GRANDI ha detto:

    Ciao,
    Visto il buon risultato a febbraio ne seminerò altre, in quel contenitore ce ne stanno comodamente circa 30, mentre per i finocchi mi attrezzerò diversamente dato che richiedono molto più spazio, pensavo di utilizzare un contenitore 60x60x45 in cui coltiverò dei fagiolini nani, per fare poi posto a inizio estate ai finocchi massimo 4 per dar loro modo di crescere bene.
    (Francesco)

  6. francesco GRANDI ha detto:

    Salve, come preannunciato ho seminato circa un mese fa circa 30 carote. Ad oggi, nonostante il contenitore sia stato protetto con copertura di tessuto non tessuto, cui solo pochi giorni fa ho eliminato questa copertura, ho notato alcune germinazioni che onestamente non mi sembravano tutte di carote.

    Alcune di queste germinazioni erano identiche ad altre trovate insieme alle lattughe su cui non avevo seminato carote quindi non potevano essere tali e quindi ho provveduto ad eliminare.

    Ho lasciato quelli che potevano essere  carote anche se in quella fase e difficile distinguerli dalle comuni erbette. La cosa che mi fa pensare è che su trenta semi ne ho visti solo 5 se sono tali, germogliare.

    So che le carote sono famose x la loro lentezza ma il clima e l’effetto serra favorito dalla copertura speravo avesse dato una mano.

    Sto perdendo la pazienza e credo che se riesco a uscire di casa con questa storia del coronavirus andrò alla serra, dove lavora mia figlia, che hanno sperimentato la coltura in vasetti delle carote e che sono già cresciute in  maniera considerevole e sperimenterò la tecnica che utilizzo x trapiantare le mie piante carnivore, cioè il lavaggio completo della radice x poi fare un foro nel terriccio inserendo con cautela in verticale la radice delicatissima di dette piante, e non vedo perché non possa farlo anche con le carote, saltando cosi la lunga attesa  di questi semi che a questo punto non so se germineranno più.

    Unico problema sono queste nuove restrizioni x la circolazione che spero non mi blocchino e mi facciano trovare la serra aperta.

    Saluti

    (Francesco)

    • Stefano Pissi ha detto:

      Ciao Francesco,
      Aspetta e vedrai che le carote nasceranno tutte.
      Per ora bisogna portare pazienza e vedrai che che tutto si risolverà, specialmente se stiamo fermi, piuttosto che agitati.
      Salute e buon orto.

Lascia un commento