Posso coltivare lo zafferano nel mio terreno a 180 m.s.l.m.?

Salve,
mi chiamo Marco ed ho 21 anni. Io e la ragazza con cui convivo da circa 2 anni stavamo facendo dei progetti e tra questi l’idea che ci interessava di più era proprio quella di aprire un’azienda agricola.
Premetto che faccio il pizzaiolo da circa un anno ma avendo sempre vissuto in campagna, sin da piccolo ho avuto a che fare con la terra; difatti la casa in cui vivo domina una vallata di circa 3 ettari di proprietà (con la possibilità  di espandere a 6 totali) con uliveto. La zona in questione è quella di Capena, nella valle del Tevere, in provincia di Roma.
La mia domanda è la seguente:
Sarebbe possibile nella zona in questione coltivare lo zafferano? Altitudine 180 metri s.l.m.
So che l’altitudine migliore sarebbe quella che va dai 500 ai 700 metri ma sarebbe possibile creare una coltivazione lo stesso, oppure la qualità  ne risentirebbe eccessivamente?
Inoltre, quali altre piantagioni/coltivazioni sarebbero indicate per il mio terreno?
Terreno prevalentemente a Lehm con piccoli tratti argillosi. Presenza di acqua (2 pozzi).
In conclusione, cosa mi consigliate?
Grazie
(Marco – Lazio)

Ciao Marco,
grazie tanto di tutta la storia che ci racconti, della tua vita e delle tue passioni, come te anche tante altre persone sentono come la necessità di coltivare la terra, alla quale siamo tutti legati.
Per quanto riguarda la coltivazione dello zafferano – ecco un articolo scritto per gli hobbisti ma che ti permette di conoscere meglio la pianta – a mio parere la zona che descrivi non è proprio quella più adatta; per avere maggiori informazioni a riguardo ti suggerisco di visitare questo sito specializzato sulla coltura dello zafferano, dove potrai trovare informazioni utili e più specifiche all’argomento.
Riguardo alle altre alternative di coltivazione invece mi sembra che ne hai tante, visto il tipo di terreno, la presenza di acqua importantissima per le irrigazioni, e l’estensione stessa della terra che hai a disposizione. Per questo puoi pensare di fare: impianti di viticoltura, frutticoltura, orticoltura ecc ecc. Per fare un punto della situazione più realistico potresti far fare un sopralluogo da un tecnico – Agronomo – per sapere precisamente le colture più adatte alla zona, compresa anche un’attenta indagine di mercato per capire i prodotti meglio vendibili.
Fai le cose lentamente all’inizio per capire bene la direzione da prendere.
Salute e buon orto.

Lascia un commento