Esiste un rimedio naturale contro la bolla del pesco?

Vorrei sapere se esiste un prodotto naturale per eliminare le foglie di pesco gonfie di bolla.

(Francesco – Cagliari)

Ciao Francesco, la bolla del pesco è un fungo (Taphirina deformans), che si annida nel tronco dell’albero, colpisce a primavera e in genere attacca le foglie già sviluppate. Quest’anno con il clima caldo-umido che sta facendo è un vero flagello! Ma guardiamo come porvi rimedio in modo naturale.

Metodo 1 – In modo preventivo possiamo usare l’infuso d’equiseto, che è un ottimo fungicida, per irrorare il tronco e i rami e usare il macerato di ortica, che è un ottimo ricostituente, per rafforzare le difese delle piante. Potrebbe essere una buona pratica anche seminare sotto la chioma dell’albero la stessa ortica o alcuni agli. In ogni caso pacciamare il piede del peso con del buon compost, può essere una buon sistema per irrobustire i nostri alberi da frutto.

Metodo 2 – Poltiglia bordolese! Se usata in modo adeguata e senza abusarne è senz’altro un rimedio efficace. La poltiglia bordolese va distribuita sull’albero al momento della caduta delle foglie  (1,5 kg per 100 l di acqua) e una seconda volta a febbraio alla ripresa vegetativa, prima dello schiudersi delle gemme. Non va mai data durante la fioritura perché è tossica per le api. Durante la fioritura potremo usare la propoli in soluzione idroalcolica (150-200 g per 100 l di acqua), ne rafforzerà la produzione, senza danneggiare nessuno.

Metodo  3 – Se le foglie colpite sono poche puoi staccarle e bruciarle per evitare che le spore del fungo si diffondano e sperare che la pianta riesca a reagire bene e a fruttificare ugualmente.

Per il momento non ho altri consigli da darti, ma come avrai capito occorre soprattutto agire in fase preventiva, perché quando l’attacco è molto avanzato diventa difficile contrastarlo in modo naturale!

Lascia un commento