Orti urbani: il centro commerciale che coltiva verdure

Succede raramente di leggere con piacere la nascita di un centro commerciale, che quasi sempre vuol dire cementificazione. Questo di Marcianise, in provincia di Caserta, ha però una marcia in più o forse è il caso di dire un orto in più. Un orto di 650 metri quadrati, realizzato solo con materiale di recupero e nutrito con i rifiuti alimentari prodotti e compostati dai 25 bar e ristoranti presenti nell’area.

E’ incredibile, ma molto apprezzabile che un luogo di grande frequentazione come un centro commerciale si ponga come esempio di sviluppo positivo, soprattutto in una regione dove la raccolta differenziata fatica a decollare, mostrando a tutti i visitatori, in particolar modo ai bambini, come dai rifiuti possano germogliare tanti ortaggi tipici del luogo. Nelle sue parcelle sono infatti coltivati i pomodori ‘San Marzano’, lo zucchino ‘San Pasquale’ e le melanzane ‘Mulignana’, varietà scelte in collaborazione con l’Istituto Eureco di Caserta che ne ha anche fornito i semi.

L’orto ha inoltre trovato nella realtà culturale locale risorse e obiettivi, è stato infatti progettato dagli studenti della Facoltà di Architettura di Napoli, è coltivato, secondo i metodi della lotta integrata da due dottorandi della Facoltà di Agraria ed ospita numerose iniziative didattiche rivolte alle scuole elementari e medie della zona. I laboratori che si tengono ne l’Orto di Campania sono tenuti dai docenti di Slow Food e affrontano diversi temi: dall’alimentazione, all’agronomia, dall’arte alla geografia. Hanno già ospitato più di mille bambini e prevedono una parte teorica e una pratica all’interno dell’orto.

L’orto è aperto a tutti, ma guai ad arrecargli danno: è, come un vero tesoro, videosorvegliato!

Commenti
3 Commenti a “Orti urbani: il centro commerciale che coltiva verdure”
  1. flavia placidi ha detto:

    ….Sono felice che finalmente si stia allargando di nuovo la voglia di fare agricoltura…..
    sono riminiscenze del passato perchè il nostro Paese è nato ed è vissuto sull’agricoltura e che in questi ultimi decenni se ne siano perse o per meglio dire si sia fatto morire questa che è per noi Italiani una tradizione ed un modo di vita è un vero peccato quindi bravi coloro i quali hanno il coraggio di intraprendere queste iniziative, che sono parecchie soprattutto nelle scuole , anche a Roma ce ne sono, come quella della scuola Anna Magnani, molto ben strutturate, certo l’idea di farlo in un centro commerciale è veramente unica, quindi in bocca al lupo e speriamo che molti vi seguano come esempio,…………….
    BUON LAVORO

  2. riccarda ha detto:

    Molto lodevole l’iniziativa di coltivare un orto in un luogo dove moltissime persone possono vederlo com’è un centro commerciale.
    Inoltre la possibilità che le giovani generazioni si possano agevolmente avvicinare alle pratiche ortive fa ben sperare per la conservazione e l’interesse di antiche varietà.
    Purtroppo già molte son andate perdute e sono lodevoli tutte quelle iniziative che mirano a far conoscere e a conservare ciò che ci è rimasto
    Riccarda
    http://www.ortopertutti.com

  3. Rossella ha detto:

    Un’espereinza che andrebbe replicata e che va fatta conoscere!

Lascia un commento