Come avere dei frutti dal pesco in vaso?

Mi chiamo Lucia, sono una casalinga e abito a Roma. Sono appassionata di giardinaggio e in particolare amo le piante da frutto. Purtroppo mi devo accontentare di un terrazzo che per fortuna è esposto a sud. Quest’anno ho comprato due alberi di pesco in vaso. Volevo sapere come comportarmi per avere il prossimo anno dei frutti. Grazie

(Lucia-Roma)

Spero che i peschi che hai comprato siano varietà adatte al vaso (Nectarella, Bonanza, Garden Beauty, ecc.), che crescono poco e che non necessitano di grandi potature. Se un ramo è fuori posto puoi accorciarlo, ma le potature vere e proprie devono essere fatte da mani esperte, altrimenti meglio desistere. Le irrigazioni devono essere regolari durante tutta la stagione calda, mentre quando la pianta è a riposo si accontenterà delle piogge e quando gela non si annaffia.

La concimazione va effettuata a fine inverno e deve essere ricca di azoto e potassio, per favorire la produzione, se hai del compost mettilo pure sulla terra del vaso. Infine, se vuoi proteggere i tuoi peschi da eventuali malattie, ti consiglio di spruzzare sugli alberelli della poltiglia bordolese in autunno, prima che l’albero perda completamente le foglie, mentre a febbraio, con la ripresa vegetativa, sarebbe il caso di irrorare del rame liquido. Francesco, il giardiniere che da sempre mi aiuta nel frutteto, ripete questa operazione anche quando i frutti sono piccoli, piccoli. Cito Francesco perché lui, quando dobbiamo somministrare qualcosa, anche se si tratta di rimedi consentiti in agricoltura biologica, è sempre per una volta in più ed io per una in meno. Scegli tu a quale fazione aderire.

Ciao Lucia mi raccomando: invia notizie e foto appena potrai mostrare i risultati.

Lascia un commento