I parassiti e gli antiparassitari naturali

Ci sono purtroppo molti insetti interessati ai nostri ortaggi, La loro stagione è la primavera-estate. E’ buona regola prima di ricorrere ai preparati cercare di rimuovere manualmente sia i parassiti che le parti malate. Se il danno è grave occorre combatterli. Ma vediamo prima con chi abbiamo a che fare.

Gli afidi (pidocchi delle piante). Producono una melata di cui sono golose le formiche che li accompagnano nelle scorribande sui nostri ortaggi. Per pulire la pianta e facilitare la rimozione manuale degli afidi è efficace il sapone di marsiglia diluito in acqua.

Cocciniglie. Si proteggono con uno scudetto ceroso. Temibilissimi. Aderiscono alla parte inferiore delle foglie o sui fusti degli agrumi. Si combattano passandoci sopra un batuffolo di cotone imbevuto nell’alcol o vaporizzando olio bianco in soluzione acquosa.

Se sulle foglie di melanzane, pomodori, fragole e peperoni compaiono macchie giallo chiaro la responsabilità è del ragnetto rosso che colpisce nei luoghi caldi e secchi. Un infuso di equiseto può combatterlo efficacemente. Anche l’ortica esercita una funzione repellente nei suoi confronti come in quella degli afidi.

Cavolaia. Una farfalla diurna con le ali bianche a pallini neri che allo stato di larva è golosissima di foglie dei cavoli oltre che di rose. Vanno eliminati i bruchi manualmente prima che sia troppo tardi. E’ utile anche il piretro che è efficace anche contro afidi e mosche, come anche la caolina, un minerale argilloso che si trova in commercio mixato con altri minerali e con la denominazione di Bentonite.

Contro i parassiti vegetali come i funghi invece la prevenzione è fondamentale. Difficile rimediare i danni delle malattie crittogamiche una volta installate. Alcuni rimedi preventivi sono la poltiglia bordolese, a base di rame; lo zolfo; il bicarbonato di sodio e l’estratto di aglio e cipolla oltre all’ ossicluro di rame (il famoso verderame).

(foto di aroid da Flickr)

Commenti
4 Commenti a “I parassiti e gli antiparassitari naturali”
  1. Roberto ha detto:

    Ottimo consiglio! A casa, nel mio piccolo giardino ho una pianta di ribes di tra anni ed è sempre stata soggetta di attacchi fungini sulle foglie a partire dal mese di maggio; quest’anno ho provato, in via preventiva, dei trattamenti settimanali con acqua e bicarbonato, come da voi indicato. Adesso siamo al 21 giugno e devo dire che va tutto bene!!

    • nara marrucci ha detto:

      Grazie Roberto! E’ importante che chi ci segue ci aiuti a capire quali sono i rimedi che funzionano, perché solo attraverso lo scambio di informazioni ed esperienze si diventa tutti migliori! 🙂

      • pierluigi ha detto:

         

        Prima volta su questo sito,

        complimenti per la competenza, la semplicità e l’umiltà

        con la quale rispondi alle richieste di consigli/pareri.

        Se non sbaglio preferisci i cosiddetti “metodi della nonna”?

        Sicuramente più salutari. Ciao Pierluigi

         

         

        • nara marrucci ha detto:

          Ciao Pierluigi! Grazie per i complimenti che sono il carburante per andare avanti e continuare a dare il meglio! 😀

Lascia un commento