Ecco come gli Ortipisani insegnano l’orto nelle scuole e nelle terre condivise

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un fenomeno insolito e inarrestabile: la moltiplicazione degli orti all’interno di tessuti urbani e di contesti sociali inconsueti come scuole, ospedali, carceri, ecc. È come se gli orti fossero usciti dalle loro recinzioni, avessero scavalcato i confini e si fossero diffusi ovunque, alla ricerca di nuovi spazi e nuove funzioni, oltre a quella atavica di luogo dove ci si procura il cibo. Con la convinzione,... [Per saperne di più]

Cosa posso progettare sul mio terreno di 2700mq, in piena città?

Salve, ho 60 anni, vivo a Crotone in Calabria, di professione, sono impiegato pubblico. Per investimento da lasciare un domani a mio figlio. Possiedo in città un terreno di circa 2700 mq, adibito a verde pubblico in mezzo ai palazzi, in zona centrale e mi era venuta un’idea cioè creare delle serre per coltivare delle piante – ma non so che cosa – , oppure farci dei campetti di calcetto. Il sogno sarebbe creare orti biologici per... [Per saperne di più]

E’ possibile utilizzare gli erbicidi in orti cittadini?

Salve, sono un insegnante presso l’istituto tecnico Zanon, di Udine, volevo chiedere se è lecito e legale usare il trattore (rumore, fumi di scarico..) in centro abitato per coltivare un orto e usare erbicidi e solfato di rame e altre sostanze chimiche… sempre in un centro abitato. Per le case e persone vicine c’è del pericolo? Ci sono delle precauzioni da prendere? a casa sua uno può fare quello che vuole? grazie. (Giuseppe –... [Per saperne di più]

Il libro in una mano la zappa nell’altra, succede al BibliOrto, l’orto della BiblioteCaNova di Firenze

Gli orti ultimamente nascono ovunque, anche in luoghi insoliti e curiosi. E’ il caso del BibliOrto, l’orto nato all’interno della BiblioteCaNova all’Isolotto, un quartiere storico della periferia fiorentina. “Qui gli orti prima erano ovunque – spiega Stefano Beltramini, bibliotecario ortista, responsabile del progetto – adesso invece sono relegati in una striscia lungo l’Arno. Fare un orto qui dunque,... [Per saperne di più]

L’orto della Maria

Di orti è pieno il mondo, ma poi ce ne sono alcuni più speciali di altri, che ci colpiscono per il loro ruolo, per la loro ubicazione, per il loro mistero, per il loro sapore o anche per la loro semplicità e umiltà. Uno di questi è l’orto della Maria a Ravenna, che la mia amica Claudia conosce e frequenta e a cui lei ha dedicato un breve racconto…  L’orto della Maria A Ravenna nel Borgo San Rocco c’è qualcosa di eccezionale,... [Per saperne di più]

Campo de Cebada, l’orto più artistico e creativo di Madrid

Passeggiando nel centro di Madrid, in prossimità di Plaza Latina, mi sono imbattuta casualmente in un luogo fantastico ‘Il Campo di Cebada‘. Non è un monumento storico, né tanto meno un museo, ma uno spazio sociale all’aperto, con orto, alberelli, pergole, pedane, sedute, teatro, campetto da calcio e basket. Tutto è costruito con materiale di recupero: vecchi bancali di legno, tubi di ogni genere, impalcature di ferro, bobine... [Per saperne di più]

Il Giardino degli Aromi a Milano, dove l’orto è condivisione e benessere

Dove una volta c’era un ospedale psichiatrico oggi c’è un orto comunitario. E che orto! Al Giardino degli Aromi oltre a coltivare ortaggi, si coltiva la condivisione e il benessere. Ci si prende cura delle piante, di se stessi e degli altri. ‘Il Giardino degli Aromi Onlus‘ nasce nel 2013 negli spazi dell’ex Ospedale Psichiatrico Paolo Pini, grazie alla volontà di un gruppo di donne con esperienza nella coltivazione... [Per saperne di più]

Orto in città, cosa fare contro l’inquinamento?

Ma gli ortaggi coltivati in città sono veramente buoni o l’inquinamento li rende pericolosi per la salute? Il problema dell’inquinamento nelle aree urbane (e non solo) c’è ed è reale, è quindi bene sapere come comportarsi per mettersi al riparo da eventuali contaminazioni derivanti dai metalli pesanti presenti nel suolo o dalle polveri sottili dell’aria. [Per saperne di più]  [Per saperne di più]

L’orto della Giudecca: un’oasi di pace dietro le sbarre

L’orto del carcere femminile sull’isola della Giudecca a Venezia è un orto molto, molto speciale, sia per ubicazione che per finalità. Se guardiamo al suo passato scopriamo che molti anni fa alla Giudecca c’era un convento di monache, con una vasta zona destinata ad orto e giardino, solo in un secondo tempo l’edificio venne convertito a carcere e lo spazio verde fu abbandonato. Nel 1995 iniziò poi l’opera di ripristino... [Per saperne di più]