Maria e Simone, un ‘Orto x Mille’ come regalo di nozze

Orto 1000Un orto come regalo di nozze non è cosa che accade tutti i giorni. Eppure a Maria e Simone è successo perché l’hanno fortemente voluto. Già da fidanzati andavano in giro per poderi a fantasticare su quale sarebbe stato il pezzo di terra più adatto alle loro esigenze. Fino a quando finalmente hanno individuato un oliveto di 2000 mq sulle prime colline intorno a Scandicci in provincia di Firenze. Quando è arrivato il momento di decidere la data del matrimonio non hanno avuto dubbi su cosa chiedere come regalo di nozze a parenti e amici: “Facciamoci regalare il ‘nostro’ oliveto!”.

“Per prima cosa abbiamo fatto una lista di nozze on-line – racconta Maria – dove ciascuno poteva contribuire, secondo le proprie possibilità, a realizzare il nostro sogno ‘terreno’”.

Gli aiuti sono iniziati ad arrivare e il regalo è sembrato così singolare e originale che anche alcuni sconosciuti hanno partecipato con un’offerta al progetto dei futuri sposi. Le donazioni grandi e piccole si sono sommate, ma nel frattempo l’oliveto così tanto desiderato era stato venduto e Maria e Simone hanno dovuto trovare un nuovo appezzamento di terreno, questa volta un campo di 5.000 mq pieno di rovi e senza neppure un olivo. Ma i neo-sposi non si sono persi d’animo e dopo avere ripulito e perimetrato il loro ‘sogno’ si sono resi conto che era veramente troppo grande per un solo orto familiare, considerato che ad una famiglia possono bastare 30 mq di terreno per il proprio fabbisogno.

Orto sin

“E’stato allora che abbiamo pensato di creare una comunità di persone interessate alla vita all’aria aperta e alla coltivazione dell’orto” spiega Maria. Detto fatto nel 2015 è nata l’Associazione no-profit ‘Orto x mille’, inizialmente nata per volontà di 9 soci fondatori, ovvero gli amici di Maria e Simone più intimi e motivati. Ma soltanto nel 2016 è partito il progetto vero e proprio. “Abbiamo messo insieme 10 famiglie, che prima di dare inizio alla realizzazione degli orti hanno dovuto frequentare dei corsi di formazione tenuti dai nostri agricoltori. Perché è chiaro che senza l’aiuto di alcuni contadini locali, abili ed esperti di agricoltura naturale e sinergica, non saremmo andati da nessuna parte”. A quel punto a ciascuna famiglia è stato assegnato un piccolo orto di cui prendersi cura e c’è chi lo fa con assiduità e dedizione e chi invece ha minor tempo a disposizione e si limita a venire al campo di tanto in tanto. Oltre agli orti i soci possono condividere anche una piccola serra per le semine e delle parti comuni dove sostare, mangiare o semplicemente stare insieme.

orto milleAdesso l’Associazione conta 68 soci, ciascuno di loro partecipa con una quota associativa ai costi e alle spese di gestione e amministrative. ‘Orto x mille’ sta diventando grande e anche le sue relazioni stanno maturando: “Stiamo intessendo rapporti con tutte le associazioni locali che si occupano di agricoltura, a partire dalla pro-loco e stiamo cercando di dare vita ad iniziative sociali legate al territorio” spiega ancora Maria parlando dei progetti futuri.

Ma ‘Orto x mille’ ha già costruito molto quanto a relazioni. E questa volta è Sandra, una delle orticoltrici più assidue, a parlare: “Le persone che frequentano questo luogo sono tutte carine e simpatiche, per cui è un vero piacere stare qui. Ma questo non è il solo motivo del perché vengo agli orti quasi tutte le sere. Non è che non abbia niente da fare, tutt’altro, ma stare qui mi rilassa veramente tanto”. E non ci sono parole migliori di quelle di Sandra per raccontare il senso e il significato di questa bella iniziativa. Un applauso a Maria e Simone.

MilleOrti sociali

Lascia un commento