La zucca, come si semina e come si coltiva

Frutto simbolo dell’autunno, ha mille forme e dimensioni, ma sia che si voglia usare per farne lanterne di Halloween, che per insaporire zuppe e minestroni, occorrerà conoscerla meglio.

Posizione e suolo – Le zucche preferiscono posizioni aperte e soleggiate, ma tollerano anche la mezz’ombra. Amano terreni fertili e ricchi di materiale organico.

Semina – Dopo avere preparato il suolo, aggiungendo letame o compost, seminate in maggio-giugno direttamente a dimora con la tecnica delle postarelle: mettete 3 semi nella stessa buchetta con la punta rivolta verso il basso per favorire la formazione di radici, ad una profondità di circa 2-3 cm. Una volta avvenuta la germinazione, quando vedrete che le piantine hanno già due o tre foglie, si può procedere al diradamento, ovvero conservare in ogni postarella la piantina più vigorosa e togliere le altre. Dovranno trovarsi a circa 1,5m l’una dall’ altra, stessa distanza va mantenuta anche tra le file.

Cure colturali – Diserbare con cura, soprattutto agli inizi, evitando di disturbare le piante, quando poi la vegetazione sarà ben sviluppata non ce ne sarà più alcun bisogno. Irrigate regolarmente in estate fino al completo ingrossamento dei frutti, poi sospendere. Evitate di bagnare le foglie.

Raccolta – Le zucche sono pronte quando le foglie appassiscono e il peduncolo si dissecca. I primi frutti si possono già raccogliere a settembre, tuttavia se volete conservarle lasciatele sulla pianta fino all’inizio delle piogge. Fra semina e raccolta lasciate passare 12 settimane.

ATTENZIONE! Per evitare marciumi eseguite la rotazione delle colture (aspettate 4 anni prima di riseminare la zucca nello stesso posto) ed evitate l’acqua in eccesso.

Per saperne di più vai su Fondazione Bonduelle: Ritratti delle Verdure

foto di fabiofotografie da flickr

Commenti
11 Commenti a “La zucca, come si semina e come si coltiva”
  1. isabella scrive:

    Come posso fare x essiccare 1 zucca rossa? grazie

    • nara marrucci nara marrucci scrive:

      Buongiorno Isabella tempo fa Biagina mi aveva fatto una domanda analoga alla tua. Ti giro quindi la risposta che a suo tempo avevo formulato per lei su come si secca una zucca, sperando che sia soddisfacente. Se invece avessi bisogno di altre informazioni scrivimi di nuovo. A presto!

  2. linuzza scrive:

    Scusate un’informazione quando c’è già la zucca si toglie la punta?

    • nara marrucci nara marrucci scrive:

      Ciao Linuzza, puoi cimare la tua pianta di zucca anche con la zucca già in crescita. I tralci con i frutti si cimano alla seconda foglia dopo il frutto. Quando un tralcio ha prodotto due o tre zucche in genere è arrivato al massimo della sua produzione e quindi è meglio cimarlo. Il numero delle zucche dipende dalla varietà di zucca che stai coltivando, ma di questo parliamo un altra volta. Spero di avere interpretato bene la tua domanda che era molto sintetica. Un saluto e buon orto!

  3. iolapicco scrive:

    Ciao Roberta,
    che succede se dai tre semini iniziali non dirado le piante, potrei farle crescere tutte e tre? oppure posso dividerle in tre vasi diversi?
    Ho provato piantando solo i tre semini che avevo..

    • nara marrucci nara marrucci scrive:

      Non mi chiamo Roberta, ma Nara. Ma ti giuro che non ha molta importanza è invece importante che tu diradi le tue piante, perché la pianta di zucca non può vivere in 20 cm quadrati! Quindi ottima l’idea di trapiantarli in tre vasi separati e capienti mi raccomando! Leggiti l’articolo che parla di come diradare le piante.
      Un saluto e scrivi se hai bisogno di nuovo aiuto!

  4. ITALO .M. scrive:

    SALVE 

    VORREI UNA CORTESIA DA LEI, 
    HO CHIESTO A DIVERSI ORTOLANI ANZIANI DI SOTTOMARINA E CHIOGGIA, PROV. VE, CHE CERCO I SEMI DI ZUCCA,  QUELLA VARIETA’ CHE QUANDOE SECCA HA UNA FORMA MOLTO CARATERISTICA  ED E’ VUOTA ALL’INERNO E DENTRO CI SONO I SEMENTI, LA USAVANO COME GALLEGGIANTE SPERO CHE MI POSSA INDICARE, SE SARA’ POSSIBILE,  UN NEGOZIO LA SALUTO 

    (ITALO M.)

  5. anas scrive:

    Salve
    quante volte si innaffia?
    (Anas)

    • Stefano Pissi Stefano Pissi scrive:

      Ciao Anas
      Bella domanda, a quale pianta ti riferisci?
      In genere si irriga tutte le volte che la pianta soggetta a irrigazione ne palesa la necessità.
      Sono stato chiaro?
      Buon orto

Trackbacks
Guarda cosa dicono gli altri...
  1. [...] direi umile. Senza rumori, ma con visibili risultati. Marina mi mostra le ultime arrivate, le zucche tonde piantate in corrispondenza della recinzione, di fronte al bancale A (a sentirci, Arturo, [...]



Lascia un commento


cinque - 1 =